Razzismo: attività propria di lanciatori di mediatici specifici  razzi indirizzati ad "implementare" le ordinarie  modifiche  del "senso comune".  Illuminando il buio della ragione, tendono a restituire l’uomo alla sua primordiale Natura. Coltivando e diffondendo la Cultura della Paura. Funzionale al luogocomunismo  da bar (im_pressione),  es_pressione del "senso comune".

Il sindaco di Roma e il Presidente del Senato della Repubblica lanciano alti lai per i rigurgiti di "bullismo" (?)  manifestatisi negli ultimi tempi: Un gruppo di ragazzacci rompe il naso ad un passante reo di possedere un paio di provocatori occhi a mandorla. Un gruppo di teppistelli prende a sprangate un "portatore" di alto tasso di melanina sulla pelle. Due commercianti (esasperati?) ammazzano  Abdul. Bullismo? O, non si tratterà, invece, di un problema di "buone maniere"?