irrisolte  parole fra terra e cielo

-          Ti dispiace spostarti verso il centro ?

-          Verso il rosso… piuttosto…

-          È una questione di fondo insomma…

-          Semmai di infinito spazio…

-          Forse d’immenso…

-          Una percezione di moto…

-          Di tempo…

-          La sintonia ha a che fare col daltonismo

-          Ma dio non c’è…

-          Dio è morto…

-          Non chiude bene… stringiamo ancora…

-          Non lo trovano più…

-          Lo stanno ancora cercando…

-          E i punti di osservazione…?

-          Il tempo è tiranno…

-          Se piove lo tirano e s’apre il cielo…

-          Si sparge la foce…

-          E sorgente diventa…

-          Ancora lì stai? spostati un po’…

-          Comincia dall’inizio la fine…

-          Rivelazione di stato di quiete…

-          E d’accidia…

-          Che è già lussuria…

-          E irata avara superbia…

-          Non tornano i conti…

-          I principi al con_ fine

-          È un’ etica posticcia…

-          Un uomo è un uomo.

-          La vita è sogno…

-          Se il seme non muore…

-          Le stesse cose ritornano…

-          In cubi equidistanti…

-          Nelle notti di mezza estate…

-          Buie e tempestose…

-          Per tacer del cane….

-          Trovarsi…

-          È una bella estate…

-          Panteismo spicciolo ma appagante…

-          Osservano il silenzio…

-          Pietà e vigoria fisica…

-          La campagna brumosa  al mattino…

-          Essere o avere un pergolato…?

-          Un patio?

-          Un porticato?

-          Senza… tutto si assottiglia

-          Si assomiglia

-          Si  attorciglia…

-          Si aggroviglia…

-          Si dipana lo stato di moto degli astri…

-          Sarà buio…

-          Sanno di non sapere…

-          Non sanno di sapere…

-          Fingono…

-          E non s’incontrano mai…

-          E lo chiamano universo chiuso…

-          Si scambiano biglietti…

-          Un vizio assurdo…

-          Strane, molto strane coincidenze…

-          Sembra quasi che il mondo chiuso nella sua indefinibilità aspetti un attendente che gli lucidi gli stivali…

-          Senza è peggio…

-          Senza è una spiegazione umana,troppo umana…

-          Una presa d’atto…

-          O di tabacco

-          In termini assoluti… quasi un segno di resa…

-          E sa…

-          Sa…?

-          Conosce un sistema….

-          Ma non convince…

-          Siamo soli….

-          Abbiamo troppe lune….

-          Senza pietà… come in un discorso

-          Un piccolo spostamento provoca immensi mutamenti…

-          Verso sera… sul tardi

-          E si scompone l’argomento…

-          Lo si spezzetta…

-          Non ci fanno caso…

-          Non si ascoltano…

-          Si vedono di nascosto…

-          E non s’intravedono soluzioni di scorta…

-          Di sorta…

-          Un basso profilo mette a disagio….

-          Schiaccia l’immagine…

-          Sconvolge e intorpidisce….

-          Scade nel volgare…

-          Questioni di date…

-          Tempo…

-          Si mette al brutto

-          File… interminabili teorie

-          Quasi un deterministico arbitrio…

-          C’è?

-          Non c’è… forse è in ritardo

-          Fossili chiusi nei piattelli di roccia…

-          Che nessuno forse  mai vedrà…

-          Che senso ha?

-          Incoercibilità come libertà…

-          La vita è indifferente…

-          Non interferisce nelle leggi…

-          Non si dà pena di sapere…

-          E si assolve…

-          E non contempla  l’assoluto…

-          Risponde che non c’è…

-          E loro capiscono…

-          Si stringono le mani…

-          Si danno pacche sulle spalle…

-          Si riconoscono…

-          Si detestano cordiali…

-          Si dispongono per file parallele…

-          Danno accelerate improvvise…

-          Qualcuno frena…

-          Enfasi rivoluzionaria…

-          Una rivolta….

-          Una falsa sfericità…

-          Dogmi affettati…

-          Dileggiati….

-          E derisi…

-          Consapevoli e indefiniti…

-          Imprecisi perché sicuri…

-          E ronzano rumorosamente…

-          E non la smettono…

-          Aprono battenti… chiudono tendaggi…

-          Cadono…

-          Precipitano in provetta…

-          Concezioni opposte…

-          Bisbigliano… forse complottano…

-          Si dischiudono a possibilità nuove…

-          Tengono…

-          Fanno piccoli spostamenti…

-          Piccole apparizioni…

-          Si sente il profumo…

-          È solo percezione il mondo…?

-          È piuttosto complesso… apparentemente definitivo… ma chiuso nei suoi processi…

-          Infinito… concettualmente indefinibile…

-          E sa di chiuso…

-          Si irrancidisce la logica…

-          E si disvela  la maturazione…

-          Permea nei bassi strati

-          E lì  si accumulano le frasi…

-          Pura gestualità…

-          Un suono disarticolato…

-          Un coro…

-          Una melodia d’oboe…

-          Effemeridi…

-          Cassiopea  rotola intorno nord…

-          Facciamo il punto…

-          Siamo stabilizzati…

-          La luce larga si staglia sulle creste…

-          E appare l’inutilità…

-          Il vuoto…

-          L’indecifrabile… un tuorlo verde… l’indeterminazione… una nota alta… una foglia…

-          Pura reminiscenza…

-          Uso ed abuso…

-          Dei contatti…

-          Del prevalere del concavo sul convesso…

-          Dell’ubiquità mai risolta…

-          Uno stoicismo morale…

-          Lupus et agnus…

-          Risale… dunque… il flusso

-          E contamina il passato…

-          Non c’è storia…

-          Non più… forse mai stata…

-          Roccia che si modella…

-          Riga il viso…

-          Piccole perle…

-          Stilla cadente…

-          Rigante…

-          E fatica…

-          Come un sudore…

-          Si associa alla bisogna  la tenerezza calda…

-          Si ritirano…

-          Si ritraggono…

-          Tiepidi e leggeri…

-          In_conclusi…

-          Mai  risolti

-          Si vogliono appropriare del senso…

-          Si spostano… si sfilano… sghignazzano

-          Non si possono vedere….

-          Accludono una tensione ideale…

-          Come colli…

-          Sì! una strana  orografia…

-          Si stacca qualcosa… altrove si forma il pregiudizio tendenzioso…

-          Fino all’attimo ormai perso…

-          Quasi dimenticato…

-          Un totale asservimento…

-          Una forma ideale…

-          Uno scatto…

-          Uno scarto storico…

-          Un’iperbole retorica…

-          Un po’ ringhiosa…

-          Una vertigine da potere…

-          Da onnipotenza…

-          Dà onnipotenza

-          Un eccelso rigore…

-          Spiazzante..?

-          Volevo dire eccessivo…

-          Un’area affollata…

-          Pure di limpida forma

-          Bisogna ripetersi…

-          Bisogna spostarsi…

-          Si falsa la prospettiva…

-          Ne scaturisce un mondo possibile…

-          Una definizione di stallo…

-          Situazione semmai

-          Definizione!!!

-          D’irrisolvibilità… quella  che ci fa toccare gli oggetti…

-          Le dita tastano gli spigoli…

-          Il palmo accarezza le rotondità…

-          Il dorso indolenzito si appoggia sull’erba calpestata e già un po’ umida

-          Non si respira lì sotto…

-          Il bianco scatena la forza debole…

-          Allungano le mani

-          Una serie di undici… un ciclo… un battito… un respiro

-          Le forze si elidono…

-          Anse e frattali…

-          Una crescita proporzionata…

-          Si incunea l’esponenzialità…

-          La si espone

-          Un infinito che si perde…

-          Si ripete…

-          Più in là nello spazio del tempo…

-          Da dove veniamo?

-          Chi siamo?

-          Dove andiamo?

-          Un afflato di sentimenti cangianti…

-          Sensazioni…

-          Casualità…

-          Azioni e reazioni…

-          Uguali e contrarie…

-          Elementi e materia…

-          Stanno lì…

-          Non si spostano…

-          Una tragica  vitalità…

-          Un abbraccio mortale…

-          Una qualsivoglia postura…

-          Uno slargo…

-          Un piccolo tocco…

-          Valore in sé…

-          Penetrazione osmotica

-          Altri orrori altre posate…

-          Summa ideologica…

-          Si tengono …

-          Tutto si tiene…

-          Manipolano le spirali dell’ozio…

-          Pura contemplazione…

-          Seppelliscono i loro morti

-          Equinozi e solstizi….

-          Dolmen…. Menhir  e piramidi e obelischi…

-          Un pallore tradisce…

-          Disvela…

-          Rompe una quieta aridità…

-          Triviale e dozzinale…

-          Una lunga teoria

-          L’idealità sostanziale  di un piccolo delirio

-          Manca il continuum…

-          Forse non esistiamo…

-          Gridano…

-          Richiami ferini…

-          Coraggio a piccole dosi…

-          Si interrompe un ciclo virtuoso…

-          Si sollevano…

-          Si rivoltano…

-          Si agitano…

-          E non si vedono…

-          E non si ascoltano…

-          Si interrompono vicendevolmente…

-          Presi dal vortice della propria presunta affabulazione…

-          Dalle loro storie…

-          Le biografie…

-          Le gesta…

-          I proclami… i temperamenti… i caratteri…

-          I tipi…

-          Compilano moduli… fanno domande… inoltrano reclami

-          Si adeguano…

-          Si rassegnano…

-          Si accettano…

-          Si contentano…

-          Poi se ne vanno…

-          Scelgono di non scegliere…

-          Sanno di non sapere

-          Rinunciano al desiderio…

-          E si muore…

-          Sì…? si muore….?

-          Sì insomma… si muore… sì

-          Basta una mano che si appoggia sulla fronte… che ti accarezza i capelli…

-          Piccoli regali…

-          Piccoli riconoscimenti…

-          Piccole carità…

-          Imbronciati e offesi…

-          Duri e puri…

-          Attendono il sonno

-          Una piccola morte…

-          Un piccolo abbandono…

-          Un precoce disordine

-          Un’istanza di vita…

-          Debitamente scontata…

-          A prezzo di realizzo…

-          Saldi…

-          Fermi

-          Al palo…

-          Lo straniero… l’infinita sua vita…

-          Uno sguardo malfermo… l’occhio acquoso… le rade ciglia…

-          Il labbro tremulo… la pelle avvizzita… il procedere traballante…

-          Le mani tracciano ampi cerchi nello spazio…

-          Si tace per viltà…

-          Per coraggio si rinuncia a dire…

-          Nuove enunciazioni vecchie idee

-          S’ode un rumore di lontano….

-          Passi sul selciato…

-          Protervia e voce alta…

-          Spettro…

-          Specchio…

-          Oltre l’ umano…

-          Un ‘avventura… quasi una trama…

-          Un ordito…

-          Un tessuto connettivo…

-          L’a priori cognitivo

-          Una scala di valori… un premio… una partita a scacchi…

-          L’esempio e la metafora…

-          Deglutire aut ingoiare…

-          Di gestione  anonima al limite della responsabilità…

-          Intesa come forma della consapevolezza di sé…

-          Un innocente scambio di vedute ….

-          La forma presuppone il pensiero…

-          E lo tradisce…

-          Con la candida innocenza dei colpevoli  che trattano a porte chiuse…

-          Come non bastasse il troppo che ci allontana….

-          Inesorabilmente…

-          Consecutivamente padre e figlio…

-          Contemporanea-mente…

-          conseguentemente…

-          Un prima o poi…

-          Un dio sterile

-          Troppi programmi ambiziosi…

-          Troppe virtù…

-          Si compone e si scompone…

-          Una tendenza al naturale disordine…

-          Un modo d’essere…

-          Una concezione unica e terribile…

-          Una visione mitica…

-          Mistica…

-          Fatta d’immanenza…

-          Come quelli che si pentono…

-          Niente interferenze…

-          Non dita nel naso…

-          Non ricorsi né richiami…

-          Piccole beghe…

-          Piccoli ragni d’acqua…

-          Un passo difficile ma necessario…

-          Piccoli ammutinamenti d’alta quota…

-          Mezze figure…

-          Senza porre enigmi

-          Senza canti o inni…

-          Un buon muro su fondamentali principi…

-          Abissali ed imperturbabili…

-          L’orrore fatto di pose osè…

-          Strumenti del comunicare…

-          Inutili offese preludono al sesso…

-          Siamo quel che siamo…

-          Un turbamento durante l’assolo…

-          E si distende…

-          E richiama nuove eccitazioni…

-          Elaborazioni e rimozioni…

-          Forzate… come si con-viene…

-          Che rimandano ad una impura debolezza…

-          Ad attrazioni pericolose…

-          A vuoti erratici…

-          Ciondoli che si staccano rovinosamente…

-          Putrelle contorte…

-          Mucchi di ceneri fumiganti…

-          Funi recise…

-          Solo macerie…

-          Solo piccoli contatti occasionali

-          Non più cerchi concentrici…

-          Ellissi intersecate

-          Lente parabole…

-          Là dove cade il raggio…

-          E si perde la ragione…

-          E la luce si fa suono…

-          Trascinato dal quieto avanzare della bestia sorda… mentre la strada sale…

-          Sbattuto contro il fondo del  carretto… guardo le macchie bianche che mutano

-          Non mutano… si spostano…

-          Come pensieri divelti…

-          Sradicati…

-          Come lembi tormentati…

-          Lacerati…

-          Sopportare aut supportare…?

-          Siamo qui….

-          A volte controvoglia a volte no….

-          Sentono la fine arrivare…

-          E si dilungano….

-          Si scompongono

-          E se non fosse…?

-          Impressioni come sfocate….

-          Terre desolate…

-          Brughiere selvagge…

-          Sciocco intercalare…

-          Che svela l’arcano

-          È tutto così chiaro…

-          Però si tace…

-          Per non interrompere…

-          Insipienza….

-          Si tollera e si tace…

-          Vale…?

-          Non si decide…

-          Non si hanno argomenti…

-          Non si ascoltano più…

-          Senza alcuna premura… alcun gesto tenero…

-          Non si vedono…

-          Forse non ci sono…

-          Guaiscono…

-          La luce è accesa però…

-          Brancolano nel buio…

-          Precisione  come forma di assoluto…

-          Non rilevabile strumentalmente…

-          Quanti di assoluto…

-          Particelle eccitate dai membri di un concistoro…

-          Etica del quotidiano…

-          Rilevabile alla palpazione…

-          L’attrito stimola un’auto-lubrificazione…

-          Lubrica  fica  in azione

-          Piccole grandi labbra tumefatte… mucosa arrossata… dilatazione gran-simpatica…

-          Errori dovuti all’ inesperienza…

-          Stiamo scivolando…

-          Errori voluti…

-          Fretta…

-          Coitus ininterrotto…

-          Ordinarie analogie…

-          Eiaculatio precox…

-          Scarso senso della mistura…

-          Fellatio…

-          Estrema (devota) unzione…

-          Trista figura…

-          Gaia complessità….

-          Conflitto di potere… delega democratica di primus  inter pares…

-          Riconducibilità all’unicum… induzione al continuum…

-          Anima… mente… memoria storica… cultura diffusa?

-          Solo carne… muscoli… ossa… nervi… solo una faccia….

-          Ci vedono…?

-          Dunque siamo…

-          E noi vediamo loro…

-          Ergo siamo…

-          Siamo…

-          Guardiamo

-          Siamo… dunque cogitiamo…

-          Puro estro… calore culturale…

-          Solo corpo?

-          La mente muta d’accento e di pensier…

-          Continua-mente…

-          Col variare degli stati…

-          Degli stadi…

-          Degli stati…

-          Dello status…

-          Più simbolico…

-          Più aeconomicus…

-          Il primate assoluto…

-          Per definizione tutto relativo…

-          Disordine antropico

-          Antropocentrismo antropofago…

-          Autofagocitante…

-          Discernimento incantatore…

-          Etica del dolore…

-          Estetica dozzinale e pacchiana…

-          Sudaticcia e sconvolta…

-          Fa male…

-          Fa prima volta tarda a venire…

-          Non si conoscono i termini della contesa…

-          L’immaginazione turba la precoce senilità…

-          Carattere ben definito e preciso:nega l’assoluto…

-          Sindrome di intelligenza acquisita…

-          Innata…

-          Inattività come forma di processo storico evolutivo…

-          L’assenza fa scaturire lo stato delle cose…

-          Provoca sommovimenti tellurici…

-          E i letti cigolano…

-          Tutti insieme appassionatamente…

-          Una antica interminabile teoria…

-          Una processione temporale…

-          La stagione si guasta

-          Si rompe la tensione…

-          Si ricarica il carillon della ballerina inzuppata e claudicante…

-          Si sfila…

-          Si fa sfilare…

-          Resta indietro…

-          E osserva la propria repellente meta…

-          Il suo proprio inaspettato fine…

-          E si ricreano le condizioni per un nuovo ciclo…

-          Partoriscono con dolore…

-          Che è l’espressione più alta del sapere…

-          È piacevole saperlo….

-          Ne nascono insanabili conflitti

-          Il tempo lenisce ogni ferita…

-          Qualche segno sui polsi…

-          Rughe agli angoli degli occhi… qualche bianco capello… qualche arida risposta…

-          Un lento decadimento della attività…

-          Si affinano i concetti basilari…

-          Se Dio non c’è è più facile…

-          Maggiori sono i tormenti più avvolgenti sono le estasi…

-          Martirizzati e santificati o passivi e beati…

-          Non connettono i reati…

-          Contemplano l’assoluto mediando le realtà possibili…

-          Tra poco saranno qui e noi stigmatizziamo…

-          Preleviamo modelli dalle scatole  di scarpe

-          E loro sanno…

-          Finzioni…

-          Funzioni…

-          Recitano a soggetto…

-          Se  a loro pare noi li capiamo…

-          Verità una e trina…

-          Barocca…

-          Apparizioni e apparenze…

-          Ci parlano dal profondo…

-          Ci riconoscono…

-          Ai raggi x

-          Balenano i gamma…

-          Una specie rara…

-          Introvabile…

-          Come gas…

-          Dispersi e liberi…

-          Incolori ed inerti…

-          Compressi…

-          Esplodenti…

-          Lo scoppio viene dal nulla…

-          Emerge dal nulla profondo…

-          Che implode…

-          E genera il tutto…

-          Effimera sostanza…

-          Biscotto intinto…

-          Il tempo…

-          Una vaga rassomiglianza…

-          Concezione tutta umana…

-          Tutta racchiusa nel lento degradarsi delle cose…

-          Tutto si frantuma… nulla si crea…

-          Dove nascono le cose..?

-          Negli anfratti delle possibilità…

-          L’inizio è la fine…

-          E la polvere si fa marmo

-          La fine è l’inizio…

-          Ci si rincorre…

-          Ci precede quel che è stato…

-          E non ha fine…

-          E ridono….

-          Fanno quel che possono…

-          Sghignazzano…

-          Sono quel che sono…

-          Non si soffermano

-          Sono persi, disciolti nelle bollicine…

-          Siamo rassegnati alla loro vacuità…

-          Ai loro giochi innocenti…

-          Sporcano il nostro giardino…

-          Si rimpiazzano tra di loro…

-          E rovinano i nostri sogni…

-          Si divincolano… sono stretti… non fanno mai pause… scivolano lungo i dirupi della praticità…

-          E io pago…

-          Azzerano l’indice…

-          Non sogno…

-          Non ricordo mai i miei sogni…

-          Soffro l’insonnia…

-          Tastano nel buio…

-          Atterriti di non trovare le cose al loro solito posto…

-          Il sogno di un uomo che sogna d’essere una farfalla che sogna d’esser un uomo che sogna….

-          La vita è sonno…

-          Sincronia e sintonia

-          Aderenza armonica ai ritmi della natura…

-          Il pulsare,il battito il respiro,l’andata e il ritorno…

-          E lo chiamano universo chiuso…

-          Si sposta…

-          Respira… pulsa…

-          Elastico come uno sfintere… si dilata e si contrae…

-          Valvole, battiti, vibrazioni, tremolii…

-          Tutto si muove a ritmi alterni…

-          Circolazioni e cicli…

-          Senza moto perpetuo…

-          La certezza tradisce il pensiero…

-          Piccola bocca glandi bugie…

-          Infime cose che determinano il corso delle cose…

-          La storia…

-          Le cose…

-          Le cose…

-          Fa male la verità…

-          Di più la sincerità…

-          Causa o effetto?

-          Ferire come coscienza del sé…

-          Affetti contigui generano  attriti le cui scintille causano immani esplosioni…

-          Porgono l’ altra guancia…

-          E devastano la nuca on piccoli colpi di grazia…

-          Amano il nemico…

-          E uccidono gli amici…

-          Non ci si uccide più ormai…

-          Si contempla l’agonia…

-          Effondono…

-          Offendono e diffondono…

-          Verbi e biciclette…

-          Vermi e amor profano…

-          Canticchiano motivi disperati e dolci…

-          Satolli dis-pensatori di sé….

-          Di un’idea di sé…

-          Sub-affittata…

-          Presa al volo…

-          Il desiderio nega il possesso…

-          È da quello annullato…

-          Non basta più quel che passa il convento…

-          Lerci monaci…

-          Un orizzonte…

-          Ideale… presunto… fittizio

-          Un limite

-          Una qualche vaghezza…

-          Un fine ultimo… una meta…

-          Solo disordine…

-          Un’isola che non si trova…

-          Dislalia…

-          Dissenso…

-          Dissenteria…

-          Dissoluzione… dispersione…

-          Scherzavano

-          Tomi e temi ponderosi…

-          Dicevano le parole e scherzavano…

-          Retoriche equipollenti e speculari…

-          E qualcuno ci muore…

-          Tutti si muore…

-          Ci credevano… loro…

-          Si aggiustavano il panciotto…

-          Spendevano di sé la miglior parte…

-          Si grattano la tempia… si tirano la pelle della gola… si toccano il naso…  il mento…

-          Aggrottano un sopracciglio… muovono le mani nel vuoto…

-          Fanno le pause… usano i giusti appoggi… si ritraggono…

-          Celiano… dubitano…

-          Uhm… uhm…

-          Si buttavano nella mischia…

-          Disperare aut inspirare…

-          Qualcuno ne è morto…

-          Si muore…

-          Si ritorna all’antico…

-          Si fanno rimpatriate…

-          Ivi compresa la sbornia…

-          Passata la festa gabbato lo santo…

-          Investono in buone azioni…

-          Lucrano sugli interessi passivi…

-          Toccata e fuga…

-          Una palpatina e via…

-          E si tengono il resto…

-          Fanno la cresta sulle spese…

-          Riconoscono i loro peccati…

-          Un bisogno tangibile di grazia…

-          Un po’ di vino rosso un po’ di  bianco….

-          Quasi candidi….

-          Come i bambini crudeli…

-          Come vecchi ammalati di tremore e cinismo…

-          Che se ne vanno

-          Traballano…

-          Il passo indeciso…

-          Temono di arrivare…

-          Non vengono ormai più…

-          Cominciano…

-          Arrancano…

-          Ricominciano….

-          Temono di ritrovare la forza…

-          E di rinnovarla…

-          Il candore…

-          La forza di ricominciare…

-          Sono stanchi…

-          Sperano e di-sperano…

-          Sorrisi come tagli…

-          Dolci e amari…

-          Ossimori da dare in pasto agli africani…

-          Il mondo in fondo è una canzone…

-          E steccano…

-          Stonano…

-          Scordati e dimentichi…

-          L’età…

-          La ragione… piuttosto

-          Sfilacciamento dendritico … caos creativo…

-          Da cosa nasce cosa…

-          In definizione…

-          Anomia…

-          Strutture armoniche che scricchiolano…

-          Pensieri che si avvitano…

-          Qualcuno ne è morto….

-          Fieri e smarriti sguardi…

-          Una profondità,un orrido…

-          L’abbandono richiede forza immensa

-          Le forze che gratificano la viltà…

-          Una forma di leggerezza…

-          Un librarsi  quieto…

-          Un rifiuto d’affermazione…

-          Né si… né no…

-          Un parlar d’altro…

-          Un silenzio senza simboli…

-          L’annullarsi vicendevole delle forze… senza rimedi… senza ritocchi…

-          Senza…

-          Voluttà da vuoto…

-          Non esserci…

-          Starci  per esonerare i movimenti…

-          Contemplazione senza soggetto

-          Per non toccarsi… per non far nulla… per perdersi… per smarrire il punto…

-          Affinché la polvere si faccia pietà….

-          È un punto che interrompe l’eternità

-          Riferimenti e relazioni…

-          RIfrazioni

-          E parlano di assolutezza…

-          Concezione temporale…

-          Gestazione d’assoluti…

-          Vari e costanti…

-          L’uno totale…

-          Zero assoluto

-          Cessano i moti

-          Si ferma…

-          Non  è…

-          Mai stato…

-          Mai partito mai arrivato…

-          Piccola morte piccolo inganno…

-          Non lo si vede più…

-          Astratto

-          Distratto…

-          Spiegato all’inclita…

-          Cozza… penetra… irrompe… si fa strada…

-          L’anagramma

-          Insegna la via…

-          La indica…

-          La indice…

-          La crea…

-          Una divisione moltiplicatrice…

-          Far da sé… far digressioni ritmiche…

-          Che pulsano…

-          Proiettano fuor da sé per farsi sistema…

-          È la complessità…

-          Aggregazioni casuali….

-          Ma non c’è fretta…

-          Si dipartono in mille rivoli…

-          Chi si fa santo…

-          Chi sarto

-          L’uno unisce e divide…

-          L’altro taglia e cuce…

-          E si ride…

-          Ridono… scoprono le file dei denti…

-          Teorie…

-          Confondono cronaca e prosa…

-          Folle raziocinanti…

-          Logici… troppo logici…

-          Iperbolici

-          Un po’ troppo ordinari…

-          Cercano senso…

-          Danno…

-          Perdono…

-          Perdono il filo dell’assunto…

-          Dell’assurdo…

-          Fanno piccoli componimenti…

-          Sradicano…

-          Potano a casaccio….

-          Cresce la malapianta…

-          È uno star lì…

-          Si torce a dismisura… si frappone uno spazio…

-          Si intagliano bastoncini… si opera sul territorio…

-          Si praticano fori nell’acqua… si fa frollare la carne… la si snerva…

-          E crollavano i muri…

-          Qualcuno ne è morto…

-          Qualcuno un attimo prima …

-          Qualcuno giorni dopo…

-          In silenzio…

-          Il silenzio era la forma del dire…

-          L’unica ormai…

-          Si muore ma non si tace…

-          È un proclama la morte…

-          Una categoria del comunicare…

-          Non ci si parla più….

-          Non ci si ascolta…

-          Non ci si vede…

-          Ci si intravede e si passa oltre…

-          Non ci si aspetta…

-          Le frasi si interromp…

-          Finzioni…

-          Temi liberi…

-          Quasi un senso di smarrimento…

-          Un guardar fuori con la penna appoggiata al labbro…

-          Si andrebbe fuori se ci fosse il sole…

-          Non piove…

-          Solo cade il silenzio…

-          Si perde negli spazi vuoti…

-          Interstizi stellari…

-          Solo angoli bui …

-          Si spostano verso il centro…

-          Fette di luce eccitano il pulviscolo…

-          Stringhe… canali e dimensioni alte…

-          Odori a intermittenza…

-          Per sgusciare dove eravamo…

-          Per ritrovarsi lì…

-          Una sembianza colta…

-          Una parvenza di rassomiglianza…

-          Non si dà tempo…

-          Non ci si dà spazio…

-          Chiusi in casa…

-          Sicurezza di libertà…

-          Il tempo lenisce ogni odore…

-          Non siamo più gli stessi…

-          Non siamo mai gli stessi

-          In fondo siamo quel che siamo…

-          Incontrovertibilmente…

-          Unicum aut continuum?

-          Marchiati dal fato…

-          Dal fiato nati

-          Fango e fandango…

-          Determinati a non smetterla…

-          Le nicchie…

-          L’equilibrio…

-          I limiti…

-          Le compatibilità…

-          E affinità…

-          Compagni di giovinezze…

-          Non chiude e s’inventa una scusa…

-          E non si risolve in conflitto e non adatta all’uopo i mezzi  propri

-          E non coincidono le forme… i contorni…

-          Elaborano formule… conflitti… tesi e lutti…

-          Stanno distesi senza assorbire…

-          Bloccano digestioni e invidie…

-          Si tace per comprimere…

-          Sguarci di luci intermittenti…

-          La febbrile ricerca di vuoti da colmare…

-          Piccole appendici utilizzate nelle ore serali…

-          Star bene…

-          Declamando verso sé…

-          Ci si compiace vanamente di non entrarci…

-          Di non entrare…

-          Si affaccia un’ idea del mondo…

-          Gli spiritelli svolazzano dalle finestre…

-          Qualche fiocco si scioglie posandosi appena un po’ dentro…

-          Un gelo tagliente…

-          Un caldo soffocante…

-          Pungente…

-          Torrido….

-          Un manto…

-          Una cappa…

-          I venti spazzano la pianura…

-          Una distesa infuocata…

-          Tormenta…

-          Eccitata e citata città…

-          Nei nugoli informi…

-          Fissità quasi immobilità…

-          Si spezzano i rami…

-          Si seccano…

-          Dura terra madre…

-          Polvere…

-          Morte stagioni…

-          Basse suonatine…

-          Radenti…

-          Mento… un po’ sopra…

-          Ha rotto!!!

-          Dilaga…

-          Non vuol nascere…

-          I suoi bravi motivi…

-          Le sue giuste ragioni…

-          Innominabili…

-          Termina lo stato di quiete…

-          Si inizia quel che avrà termine…

-          Gli occhi conservano e tradiscono…

-          Animali e bimbi temono la buona novella…

-          Annunciano l’assoluto che si fa verbo…

-          Un canto una spiegazione dovuta…

-          Un debito da saldare…

-          La via della luce…

-          Il suono delle cose…

-          L’aria si rischiara…

-          Si intravedono da lontano le ombre dei colli…

-          Le luci delle case… le piccole luci…

-          I bimbi hanno paura…

-          Hanno mani pesanti…

-          Rincuorano…

-          Danno sollievo… leniscono… sollevano…

-          Accarezzano le testoline dai capelli dorati…

-          Asciugano lacrime…

-          Attendono al sonno delle loro genti…

-          Favole non frottole…

-          Sogni banali contro incubi geniali…

-          Si fanno carico…

-          Parano tiri violenti e angolati…

-          Non li vedono ma sono lì…

-          E domani saliranno le scale…

-          I ravveduti…

-          Chiamano a raccolta i giusti…

-          Che distruggono gli idoli….

-          Il silenzio è assenza…

-          Si “è” in assenza di vuoto…

-          L’armonia è nelle pause….

-          L’assenza è essenza…

-          Guardando oltre s’intravede lo sguardo di chi ci guarda…

-          Non ci si espone…

-          Sguardi distratti…

-          Libertà lesionata…

-          Elite di massa…

-          Massa d’elite

-          Spruzzi che ascendono al cielo…

-          Ricadono…

-          Ritraggono il divenire…

-          Voci che si perdono nelle stanze in penombra….

-          C’è un buon odore…

-          Polvere… libri… vecchi oggetti…

-          Rimbomba il ticchettio dei passi lungo i corridoi…

-          Si altercano…

-          Le grida escono dalle finestre…

-          Invadono le strade e le piazze…

-          Alzano i toni…

-          Rivendicano i poteri…

-          Con la gioia di disprezzare…

-          Il pudore dovrebbe farli smettere…

-          Livida luce del potere…

-          Abusi che si consumano

-          Una forma di libertà…

-          Ci si rincorre tra le misere aiuole…

-          Si calpesta l’erba appena spuntata…

-          Un qualsivoglia potere che elargisce tolleranza…

-          Una via… la libertà

-          Una scelta… un’opzione

-          Toponomastica…

-          Una forma di mistico e furtivo digiuno

-          Ogni scelta implica un abbandono…

-          Siamo gli unici superstiti…

-          Qualcuno diventa qualcosa…

-          Solo sgomento fatto di chiacchiere …

-          Qualcosa si fa qualcuno…

-          Frammenti di filamenti nel brodo…

-          Si fanno da sé…

-          Odiano parimenti il già fatto e il da farsi…

-          Danno giudizi…

-          Tormentano i loro peli sotto l’ombelico…

-          Attendono il sonno…

-          Le macerie invadono la prospettiva…

-          I detriti dei muri abbattuti intralciano le vie della libertà..

-          I sacrosanti rifiuti di ieri trasformati in concessioni…

-          Chi appalta a chi?

-          Licenze…

-          Arbitrii maggioritari..

-          Diritti estorti alle minoranze…

-          Concerti e porte..

-          Contrappunti e disappunti…

-          Disarmonia o forma del distacco canonico…

-          Sincopati e contratti…

-          Tesi ad acclararne l’invalidità…

-          Etica e giurisdizione …

-          Topografia inorganica…

-          Fiori e fiere

-          Fiele e fiele…

-          Pere et mere…

-          Contagio e continenza…

-          Laghetto un po’ andante…

-          Anatre andate…

-          Papere e papaveri

-          Putativi…

-          Ordinarietà  e studio dei fossili…

-          Minuetto e sottrazione di dividendi…

-          A conguaglio…

-          Si diffonde una strana eccitazione negli anelli…

-          Si perdono neutrini…

-          E attimi che sfuggono…

-          Le cavità bollono e gorgogliano…

-          Stanno ritti…

-          Inturgiditi…

-          Occupano gli spazi interstellari…

-          Gli umori calano…

-          Si disperdono nel vuoto caldo…

-          Vogliono perdersi nelle acque…

-          Assumono posizioni fetali…

-          Pozioni letali…

-          Gridano per non sentire…

-          Auscultano i battiti… i respiri… gli spasmi… le contrazioni…

-          Si rilasciano gli sfinteri…

-          Coltivano i propri pensieri…

-          Colpi di tosse nella notte…

-          Ansiti e sospiri…

-          Schiocchi…

-          Cigolii…

-          Si gode per sfinimento…

-          Ci si fa prendere per estenuazione…

-          Arti rattrappiti…

-          Sistema preda di convulsioni…

-          Una nudità gentile si fa sconcia…

-          La voce rauca implora pietà…

-          E nuove torture… altre lacerazioni…

-          Orgasmo apice di un qualsivoglia dolore…

-          Una qualsivoglia situazione…

-          Un atto gratuito purché atroce…

-          Che scuota una coscienza assopita…

-          Né soddisfatti né disfatti…

-          L’assoluto…

-          L’urlo…

-          Il piacere di una piccola morte…

-          Ma dio si concede continue ricreazioni

-          Non si trova…

-          Non si fa trovare che nei graffiti…

-          Uno spostamento nello spazio supplisce a un rito…

-          La presa diretta sconvolge i tempi biologici di reazione…

-          Scrivimi…

-          Telefonami, appena ti sposti…

-          Si disconosce la gerarchia dei valori…

-          L’autorità morale…

-          L’autorità di censo…

-          Quel che è non sempre è dato…

-          Non più… ormai

-          Basso livello di cultura…

-          Di istruzione… conoscenza… consapevolezza… coscienza….

-          Alta concentrazione d’informazione…

-          Si lamentano nelle platee…

-          Vogliono non crederci più…

-          Ma non si rivoltano…

-          Si rivolgono…

-          Si creano mischie… si alzano le voci…

-          Ne nascono tafferugli…

-          Ma non si ascoltano più….

-          Si esibiscono e non comunicano…

-          E li si imita negli alti toni…

-          Le invettive attecchiscono sulle mucose molli…

-          Le più soggette alle infiammazioni…

-          Ci si fa male…

-          Qualcuno ne muore…

-          Gridano…

-          Intonano cori infami…

-          Difendono i colori…

-          E offendono i colorati…

-          Salvano la polis…

-          Il luogo…

-          E mozzano le teste ai cittadini…

-          Rifiutano l’antico olezzo…

-          Si diffondono…

-          Gettano nella mischia il loro primo incontro…

-          Il primo bacio…

-          Rubato o estorto…

-          Viaggiano su diversi binari…

-          E si scontrano…

-          Il silenzio votato per acclamazione…

-          Il  freddo buio interstellare…

-          Zona d’ombra…

-          Riflessi lugubri…

-          Folle osannanti…

-          Perse e disperse…

-          Non hanno più punti…

-          Ponti tutti abbattuti

-          Non linee…

-          Non spazi…

-          Non più tempo ormai

-          Corrono…

-          Occupano strade e viali…

-          Fanno tiri mancini…

-          E insaccano…

-          Ma sono fuori da ogni gioco…

-          Fingono d’esser grandi…

-          Un combattimento ritualizzato…

-          Credere è già essere…

-          Sono quel che hanno…

-          Sono soli…

-          Senza lune…

-          Immensa mente…

-          Accecanti…

-          Desolatamente…

-          Moti ordinati…

-          Attratti dal vuoto…

-          Profilassi preventiva…

-          Igiene del mondo…

-          Miscuglio di tonalità…

-          Impasto fangoso…

-          Ci si compiace di una effimera pretenziosità…

-          Di un assoluto vago…

-          Ci si adopera per resistere alla temperie…

-          Ci si indurisce…

-          Qualcosa penetra nelle microporosità…

-          Dilatazioni e contrazioni infragiliscono la struttura…

-          Piccole crepe iniziano i successivi sgretolamenti…

-          Escursioni termiche…

-          Brividi di febbre…

-          Ci si riduce a sabbia…

-          A polvere impalpabile…

-          Si viene spazzati dal vento…

-          Ci si disperde nel tempo…

-          Ci si disunisce…

-          L’unità universale

-          Ci si riconduce ad un’unica indefinita entità…

-          Stato… essere… divenire…

-          Perversioni logiche…

-          Logiche contraddizioni…

-          Intrinseca irrisolvibilità…

-          E si ostinano a far combaciare i contorni…

-          Li sovrappongono continuamente…

-          Tirano di qua…

-          Di là spingono…

-          Dimostrano l’impossibile…

-          Sono elastici…

-          Plastici…

-          Adattano la realtà alle loro miserie…

-          Si deve pur morire…

-          La realtà è oggettivata dalla percezione…

-          Si percepisce un mondo possibile…

-          Una realtà  congrua…

-          Quello che si vede…

-          Non si spiega un mondo per sentito dire…

-          Un universo compatibile…

-          È l’unico possibile…

-          Dio?

-          Possibile perché non compatibile…

-          Meritano quel che hanno…

-          Lavorano alacremente…

-          Non si danno pace…

-          Così imparano…

-          Ma sono innocenti…

-          Non tanto da  meritarsi quel che loro accade…

-          Tanto da meritarselo…

-          E sono colpevoli…

-          E si meritano quel che loro capita…

-          Ma non lo meritano…

-          Una condanna è troppo…

-          E troppa è una assoluzione…

-          Piccoli pargoli che uccidono l’innocenza…

-          Bruti che riscattano i delitti perpetrati…

-          E lo chiamano universo chiuso…

-          Mirano all’espansione…

-          Un dilatarsi…

-          Una concezione catartica del tempo…

-          Una partenogenesi…

-          Un concepimento autodissolvente…

-          Si sparge il seme…

-          Un onanismo fecondante…

-          Ci si raccoglie ad onorare la vita che si spegne…

-          E invocano pietà…

-          Temono l’ira di un dio distratto…

-          I peculati di sordidi figuri…

-          Imprimono caratteri…

-          Madri smagrite… canute e sdentate corrompono ma indicano la giusta via….

-          Esercizio del potere…

-          Sussurrano tiritere agli orecchi degli infanti…

-          Dai seni avvizziti esce il fiele dei buoni sentimenti…

-          Non siamo più gli stessi…

-          Tocchiamo terra…

-          E si perdono lo spettacolo…

-          Strappano facili applausi…

-          Sollevano folle ed onde…

-          Fanno un uso smodato di avverbi…

-          Chiedono più sintassi…

-          Si arrendono alla simmetria…

-          Pietiscono un’apparenza…

-          E si scompongono…

-          Parlano…

-          E non si ascoltano più…

-          Devono darsi un senso …

-          Rubare un nesso…

-          Produrre sesso…

-          Essere…

-          Esserci…

-          Per affermare una qualsivoglia incertezza…

-          Per coltivare dubbi da esporre…

-          Da vendersi…

-          Per farsi coinvolgere…

-          Parti di una vaga follia…

-          Atomi di un universo in diretta…

-          Un rintocco sconvolge il divenire…

-          Un ritocco… un retrogusto… un piccolo affare… una noia… un altare…

-          E negano l’esistenza di Dio…

-          Sanno tutti…

-          Tutti sanno…

-          Dio c’è…

-          Sui cavalcavia…

-          Ma si tira indietro…

-          Coiptus interruptus…

-          Perpetuare aut infierire….

-          Non esiste la solitudine…

-          Il n’existe pas…

-          L’anguilla penetra le nostre fobie…

-          Lo stato di quiete dei corpi…

-          Tace alcune volontà ottiene riposo…

-          Liberi dalla libertà…

-          Dai pensieri gravi e leggeri…

-          Una porta socchiusa…

-          S’intravede una porzione d’infinito…

-          Un buco violato…

-          Assorbe ogni forma di energia…

-          Sfinisce…

-          Solo gravità…

-          Dà un senso all’infinito…

-          Si perde la luce….

-          Si perde la ragione…

-          Dietro l’apparente banalità si cela spesso la banalità…

-          I grandi disegni si distinguono dal segno…

-          Basta cogliere…

-          Allungare uno sguardo…

-          Vedere quel che appare…

-          Dietro vi è il tutto …

-          E il nulla…

-          I pensieri realizzati…

-          Stanno lì…

-          Si muovono…

-          E non s’incontrano mai…

-          Si  pensa a chissà cosa….

-          Ce se ne vergogna…

-          Pura ingenuità…

-          Equilibrio sullo stabile…

-          Vade retro…

-          Forza  debole!!!

-          S’è colto nel segno…

-          Sé… colto nel segno…

-          Magari prega …

-          E connette atti impuri…

-          Miele extragalattico…

-          Un piccolo disorientamento…

-          Prelude a una finitezza mai risolta…

-          Un abbozzo…

-          Pietà infinita…

-          Non trova nello spazio l’incontro delle direttrici…

-          Meeting e briefing…

-          Manca l’aplomb…

-          Il giusto livellamento…

-          Posti diagonalmente opposti…

-          Si è sempre a oriente di qualcosa…

-          Il limite del pensiero…

-          Ce l’hanno data a intendere…

-          Non v’era motivo di dubitare…

-          Il giorno e l’ora esatti…

-          Allineati tutti gli appuntamenti mancati…

-          Per un soffio…

-          Ineluttabilmente…

-          Inesorabilmente…

-          Fondamentalmente siamo ciò che siamo…

-          E lo si vede…

-          Si prendono bagni…

-          Ci si fanno feste…

-          Ci si allarga un po’….

-          Ci si stringe per starci tutti…

-          Solito ritmo pulsante…

-          Un gusto visionario…

-          Leggere alterazioni…

-          Confuse e pur pensanti allitterazioni

-          Pesanti?

-          Di forma febbrile…

-          Si comprime uno stato di quiete…

-          Si induce una implosione…

-          Ove si genera una frattura temporale…

-          Quanti di volontà…

-          Non rilevabili strumentalmente…

-          L’osservazione modifica lo status

-          Si ricrea l’originaria eccitazione…

-          Fino all’indeterminatezza…

-          E l’assoluto pesca nel torbido…

-          Non filtrano raggi…

-          Luce a ritroso…

-          L’itinerario conclusivo…

-          Terminali… e_venti

-          Vogliono affrancarsi

-          Dio…

-          Una piccola assenza…

-          Mettono in contabilità le parole dette…

-          Da Lucy a Blade Runner…

-          Senza soluzione di contiguità…

-          Un lungo interminabile urlo…

-          Una preghiera verso l’altissimo…

-          Pluralità di virtuali realtà..

-          A ritroso verso…

-          Ripetendo un ciclo ad ogni congiunzione…

-          Dal grembo materno a Snoopy…

-          Inebetirsi con dura disciplina…

-          Fino a perdere il senso…

-          Fino alla scomparsa dei sensi…

-          Fino ad annullare il senso…

-          Stanno lì ma non ci sono…

-          Per ritrovar sé stessi…

-          Per nuove contaminazioni…

-          Onde raggiungere lo stato prenatale…

-          Il dolce cullare delle acque…

-          Rimpicciolendo l’obbiettivo…

-          Si fissa un punto nello spazio vuoto…

-          Lo si persegue con indomita ostinazione…

-          E non s’incontrano mai…

-          Si spostano…

-          Unidirezionalità

-          Vita unicellulare…

-          Semplificando oltre…

-          Quel punto… quella vita… quel suono…

-          Si riduca… si semplifichi… si tolga il superfluo…

-          Linea di luce che approda o sorge…

-          Semiretta…

-          Mezzo infinito…

-          Non vi è dimensione…

-          Non senso…

-          Non inizio non fine…

-          Non fine…

-          Fino al silenzio…

-          Oltre il silenzio…

-          Oltre l’angoscia…

-          Silenzio senza senso…

-          Senza sesso…

-          Ermafrodita..

-          Ermo fra dita…

-          Un ciao…

-          Neutro…

-          Senza alcuna carica elettrica…

-          E non si spostano…

-          Non roteano…

-          Vibrano…

-          Di indeterminata posizione…

-          Qualcuno ne gode…

-          Maggiore penetrazione…

-          Sfregamento…

-          Turgore di pistilli erettili…

-          Come piccole serpi…

-          Allevate in seno…

-          Accucciati tra le morbide carni…

-          Da perderci il senno…

-          Dopo il lungo sonno…

-          Un falcone maltese…

-          Debitamente scortato…

-          Si salta…

-          Fumo che sale dall’autostrada…

-          La sigaretta appesa al labbro…

-          L’occhio socchiuso…

-          L’ombrosa tesa…

-          Nel gioco di luce…

-          E nelle troppe parole…

-          Che si ripetono…

-          E non si spostano…

-          Strani riferimenti…

-          Strane allusioni…

-          Solite alluvioni…

-          Di parole…

-          Esprimono l’arroganza delle ragione…

-          Detestabile…

-          Come l’umiltà dei torti…

-          Senza spostamento alcuno…

-          Una ragione timida…

-          Un torto un po’ gridato…

-          Una ragione dimessa

-          Un torto di diritto…

-          Una discreta ragione…

-          Un  torto ben esposto…

-          Quasi mezza saggezza…

-          Quel certo nonsochè…

-          Un fascino…

-          Un socratico…

-          Un certo quale afrore…

-          Un certo qual rispetto…

-          Libidine e feromoni…

-          Distanza che produce languore…

-          D’età…

-          D’incenso…

-          D’immenso m’illumino…

-          Donde funziona…

-          Ergo sum…

-          Parti avvenuti in buie celle…

-          Una strana funzione religiosa…

-          Creazioni e ricreazioni

-          Nascite e morti…

-          Parti di fantasia …

-          E parti di realtà…

-          Guizzano nel buio…

-          Un taglio di luce…

-          Una lama nel buio…

-          Respiro affannato…

-          Pulviscolo…

-          Turbinio di pulviscolo…

-          Luglio afoso e bollente…

-          Buia la stanza…

-          E sa di polvere…

-          Sudori…

-          Afrori…

-          Sommesso lamento…

-          Quasi sospiro…

-          Quasi un convulso respiro…

-          Tanti convulsi sospiri…

-          Sfinimento di corpi…

-          Il piacere dell’odio…

-          La spirale dell’ozio…

-          La cultura dello zio…

-          Non c’è…

-          La cultura…?

-          Sui cavalcavia

-          Lo zio…?

-          C’è…

-          Si vede…

-          Vede e provvede…

-          Prevede…

-          Il sale della terra..

-          Sale dalla terra…

-          Scende agli inferi…

-          Guarisce gli infermi…

-          Si accanisce con gli inermi…

-          Senza spostarsi…

-          Senza massa…

-          Come inesistente…

-          Un punto non ha dimensione…

-          Si distoglie dall’orbita consueta…

-          Indeterminazione…

-          Senza posizione…

-          Adimensionalità…

-          Possiedi una dimensionalità…

-          Scambiano l’arroganza  col carattere…

-          Disponibilità con infingardaggine…

-          Non ci si intende…

-          Non si vuole…

-          Non si suole oramai…

-          Tornano i principi…

-          Esiliano i principi…

-          Contumeliano…

-          Un buon tono è un argomento…

-          I veri stupidi restano i saggi…

-          Non colgono il senso…

-          Lo perdono a cercarlo…

-          Senza saperlo si ha…

-          Senza cercarlo si dà…

-          Limite ultimo estremo…

-          È il pensiero del non pensiero…

-          Idiozia …catatonia…

-          Ascesi…

-          È la bontà innata…

-          Cretinismo patologico…

-          Santità…

-          Diamo un senso all’evoluzione…

-          Alla storia…

-          Alla materia che s’è fatta spirito…

-          Piccole casuali mutazioni morfologiche

-          Il cervello…

-          La mano piuttosto…

-          I pollici opponibili

-          Canali tv

-          Format

-          Il sesso da tergo…

-          È la tecnica che conduce la danza…

-          È il pensiero…

-          Piccole pratiche modificazioni determinano i processi culturali…

-          La paura… l’ignoto… il mistero…

-          Piccoli aggiustamenti…grandi rivoluzioni..

-          Dio…

-          La coltivazione… l’allevamento…

-          Le risposte disperse nel vento stanno nel vento…

-          Le armi… il fuoco… la scrittura

-          La morte…

-          La ruota… il telefono… l’aereo…

-          I sogni…

-          Il dominio totale sul mondo…

-          Chi siamo… da dove veniamo… dove andiamo…

-          E chi se ne frega…

-          Ci frega quel disinteresse…

-          La tecnica genera e alimenta le domande…

-          E il pensiero?

-          Impuro figlio della tecnica…

-          Cerca risposte…

-          Buon per lui…

-          Amore…

-          Solo sesso sublimato…

-          Il motivo ha radice nel pensiero…

-          Pura casualità…

-          L’uso si è diffuso…

-          Lo sguardo acuisce l’attrazione…

-          Temi a piacere…

-          Desiderio a piacere…

-          Non ci si risponde…

-          Non ci si ascolta…

-          Soliloqui gentili e riguardosi…

-          Dialoghi insofferenti…

-          Ego ergo sum…

-          Fiutando l’aria…

-          Tersa quasi invernale…

-          Pulita…

-          Candida…

-          Trichomonas…

-          Blenorragia…

-          Silfide o sifilide…

-          Arte e follia…

-          Banalità elevata a mito…

-          Non più…

-          Non più oramai…

-          Come le canzoni facili…

-          Senza musica …

-          La musica rancida …

-          Grasso marcio che cola….

-          Colà è leggerezza…

-          Una silente leggerezza…

-          Che non dice… non fa… non si attua… non agisce… non collabora…

-          È…

-          Bella scoperta…..

-          Nuda e desiderabile…

-          Nudità senza odore…

-          Come la salvatica rosa…

-          Netti di cerone…

-          Chi sa tace…

-          L’odore che attrae…

-          Profumo…

-          Odore di fatica e di piacere…

-          Parti molli a macerare…

-          Mucose inumidite…

-          Contrazioni e rilassamenti…

-          Si contrae e si dilata…

-          Si espande…

-          È il battito… è il respiro…

-          Cosmico…

-          Il comico rantolo…

-          Caldo-freddo…

-          Un andare e venire…

-          Un passato futuro…

-          In mezzo l’instabile presente…

-          Quasi un doveroso regalo…

-          Anch’io canto l’amer…

-          Quasi fosse un controcanto…

-          Siamo tutti colpevoli…

-          Il respiro dell’universo…

-          È un ritmo desueto

-          Consueto…

-          Come un urlo…

-          La vibrazione cosmica…

-          La luce…

-          Il fondo…

-          Oscuro e tacito…

-          Chiacchiere leggere…

-          Uccidono…

-          Esente da omicidi…

-          Suicidi senza interesse…

-          Paghi tra un anno…

-          Saremo felici…

-          Soddisfatti…

-          Meglio tardi

-          E un po’ stupidi…

-          Come volevasi dimostrare…

-          Esito finale…

-          E fatale…

-          Si rileggono le sudate carte…

-          Si inducono necessarie inferenze… si indicono  inascoltate conferenze…

-          Si dice no…

-          C’è chi dice no…

-          Tanto per esserci…

-          Si legge il suo diniego…

-          Si elegge il suo membro…

-          Mai più…

-          Forse mai stato

-          Le stesse cose ritornano…

-          Se il seme non muore…

-          Ibridi sterili…

-          Prassi e sintassi…

-          Chiusi nei loro eremi…

-          Confondono i  più disparati clamori…

-          Stiliti…

-          Stilisti

-          Colonne erette dalle mode…

-          Clamori disperati…

-          Sparano alla testa…

-          Altrui o propria…

-          Un bieco baratto…

-          Uno scambio d’identità…

-          Psicanalisi spicciole

-          Dieci minuti di notorietà

-          Se vale…

-          Sempre un po’ vale…

-          Non c’e più rispetto…

-          Dio c’è

-          Ci sorride dai cavalcavia…

-          Serve un’ascesi…

-          Un titolo bianco…

-          Un po’ di tritolo

-          I mercati ne risentono…

-          Reazioni a catena…

-          Mai una borsa chiusa…

-          È la destrezza, bellezza…

-          Girano intorno…

-          Il moto terreno…

-          Un moto perpetuo…

-          Si rincorrono le crisi dei valori…

-          Il cambio ne risente

-          Stringano la  madrevite

-          Aspettano…

-          Si parlano…

-          Non si abbandonano mai…

-          Contatto continuo…

-          Continuo controllo

-          Senza capire

-          Senza capirsi…

-          Ignorando lo scibile…

-          Non sanno di sapere…

-          Ma credono di saperlo…

-          Così imparano…

-          Uso privato di pubbliche virtù…

-          Non struttura di pensiero…

-          Preoccupante scricchiolio…

-          Non riferimento dello spirito…

-          Pericoloso ondeggiamento…

-          Non lenimento dell’anima…

-          Una vibrazione ben percettibile…

-          Non ordine di valori…

-          Vendete dollari… comprate obbligazioni…

-          Promessa di risoluzione…

-          L’armonia cosmica…

-          E non cosmico caos…

-          Come deve essere…

-          Com’è…

-          Riti propiziatori…

-          A tori…

-          Voleranno mai gli asini…?

-          Diffondono miti dai palchi…

-          Dagli schermi

-          Pubblicizzano libri…

-          Parlano per non dire…

-          Dicono per esprimere… significare… esemplificare

-          Paradigmare… concettualizzare… analizzare…

-          Contestualizzare…destrutturare…approfondire….

-          Il silenzio…

-          Parlano ore e ore del silenzio…

-          Perorano per ore ….

-          Senza mai tacere…

-          Il silenzio…

-          Esaltano con esaltate parole l’incanto del silenzi…

-          Del finalmente silenzio…

-          Solo un piccolo obolo…

-          Solo un piccolo abbandono…

-          Un piccolo intervallo…

-          Vacanza delle parole…

-          Piccola piccola…

-          Una piccina ricreazione…

-          Sono i rumori che esaltano i silenzi…

-          I rumori esalano dai silenzi…

-          Il loro sentore ce ne rende consapevoli…

-          Una leggera angoscia…

-          Non sarete mai soli…

-          Come stelle sul viale del tramonto

-          Il silenzio della luna…

-          Rumore di fondo…

-          Radiazione di fondo…

-          Spostano verso il rosso…

-          Si allontanano…

-          Ci si solleva…

-          Non ci si vuol male…

-          Ma se ci si può evitare…

-          I bacetti…

-          I comestaititrovobene…

-          Stringono il cuore i partenti…

-          Stingono i vecchi vestiti gli addii sotto la pioggia…

-          Rubano frasi ai film di bassa lega…

-          Lo sport degli spot…

-          È gente semplice…

-          E semplificata…

-          Per non cedere in tentazioni…

-          Ascoltano per farsi le opinioni…

-          Danno un kit di montaggio…

-          Un fai da te…

-          Seguendo, ovviamente, bene le istruzioni….

-          Opinioni standard…

-          Le più richieste…

-          Come nei postriboli… le più facili da montare…

-          Allo stesso prezzo… assemblate e collaudate…

-          La concorrenza…

-          E le opinioni…

-          Libero mercato in libero stato…

-          Guariscono con i bud(d)ini…

-          Le madonnine piangono un virile dna…

-          Le teche dal sangue sciolto…

-          Svanisce l’epos…

-          Diluisce l’eros…

-          Disperde l’ethos…

-          Non son più quei tempi…

-          Non passione…

-          Non imperative priorità…

-          Siamo tutti un po’ categorici…

-          Decisi… dài!

-          Assoluti sì…

-          Assoluti mai…

-          I santi scendono ormai a patti…

-          Fede in cambio di guarigione…

-          Io non porto la pace…

-          Vi do la mia pace…

-          Fissando i mandala col vinavil…

-          L’impermanenza  permanente…

-          I terremoti  schiantano le sacre volte…

-          Evitano quel che possono…

-          La malattia, la vecchiaia, la morte…

-          Che sconvolgono giovani instabili…

-          Rimediano con meditazioni di gruppo…

-          Tutti parlano insieme…

-          Nessuno ascolta …

-          Qualcuno ne è morto…

-          L’impermanenza….

-          Il vento disperde i mandala…

-          Sfeccia il tempo..

-          Corre unidirezionabilmente?

-          Pura merda…

-          Ripetono parole sentite ma risentite…

-          Insensibili all’umano dolore… si commuovono sugli steli spezzati

-          Un po’ di io-dio…

-          Solo risentimento…

-          Ascoltare ancora un po’…

-          Amarsi ancora un po’…

-          Chiudere ogni spiraglio…

-          Per non sentire…

-          E non risentirsi…

-          Non toccati… intonsi…

-          Intangibili alle tangenti secanti i bilanci…

-          Paria del pensiero…

-          Un insistente rifiuto del pensiero…

-          Per non sentire dolore…

-          Per non ascoltarlo…

-          Fa di te stesso una penisola…

-          Per non recidere le residue radici…

-          Perdono quel poco che li salva…

-          Rubano il cielo agli afflitti…

-          Speculano nei sub-affitti…

-          Vantano superiori natali…

-          Peggiorano a capodanno…

-          Un nuovo ininterrotto ciclo…

-          Parametri e paradigmi…

-          L’ombra…

-          La faccia nascosta…

-          Solo un chiuso apparato…

-          Un sistema labirintico…

-          Di vizi e di virtù…

-          Chi vuol esser lieto sia…

-          Della morte v’è certezza…

-          Quella dei luoghi comuni…

-          Dove si affermano le proprie  irrisolte  vanità…

-          Si adornano la fronte coi poveri di spirito…

-          Anime candide…

-          Spiritosi cadaveri…

-          Si rifanno il naso… il seno…

-          Le opinioni…

-          Si eccitano con l’odore mattutino del napalm…

-          Col sangue che trasuda da pustole infette

-          Eroi morenti col soldo gettato sul petto dal generale ammirato…

-          L’adrenalina che sprizza dagli sfollagente…

-          Il conflitto regolatore della storia…

-          Di classe… generazionale… di casta…

-          D’etnia … di religione… di ogni contrapposto interesse…

-          Chi l’ha più lungo se lo tira…

-          Polvere d’asfalto sollevata dalle lotte…

-          È la storia che stabilisce i torti e le ragioni….

-          Definisce,piuttosto,le ragioni dei forti…

-          È  dei miserabili l’ammirazione  per i conducators…

-          Una proiezione per povera gente…

-          Qualcuno si sgancia dal gregge…

-          Così giustificando la filosofia del gregge…

-          Disperati  e saziati, poverini…

-          Disperati e saziati tu…

-          Non avrai altro dio all’infuori di te…

-          Contento te…

-          Ben pasciuti…

-          Senza un grido…

-          O una parola che sia una parola…

-          Un gesto risolutorio…

-          Le mazze delle masse abbattono i muri…

-          Infrangono cuori dolenti…

-          Anime perse ormai già morte…

-          Brucia l’araba fenice…

-          Cerca una via di scampolo

-          Chi sceglie il silenzio è morto in quel dove…

-          Prima o poi…

-          Le disperate parole che conducevano alla sintesi del silenzio…

-          Una musica che sfuma…

-          Suoni induriti dalle sommosse ferme…

-          Una fermezza omicida…

-          Che non dà conto….

-          Scoppio nel falansterio…

-          Per appello nominale…

-          Tu! come ti chiami?

-          Il mio nome è nessuno…

-          L’eterno ritorno al buio silenzioso…

-          Ché tutto si sposta…

-          E si allontana…

-          E si disperde…

-          Si sposta verso il rosso…

-          Un quanto di energia dilapidato dalla superbia….

-          Che non conosce l’invidia…

-          Come l’accidia…

-          Noia che non dà noia…

-          Non disturba il manovratore…

-          Dei membri di un concistoro…

-          Una masturbazione corale…

-          All’unisono…

-          Accompagnati da Haendel…

-          Con fuochi d’artificio…

-          Musica d’acqua…

-          Scrosci e ticchettii sui coppi…

-          Bartali non se ne parla…

-          Nulla da rifare…

-          Niente da fare…

-          Nulla e nulla ancora…

-          Un’inquietante congiunzione…

-          Leda, Minosse, Giove con Urano nel Sagittario…

-          Una verifica incerta …

-          L’asincrono geniale…

-          Assenza piccola e veniale…

-          Una venale assenza come piccolo male…

-          Mi si nota di più se vado o se non vado…

-          Vado in giro…

-          Vedo gente…

-          Faccio delle cose…

-          Mi muovo…

-          Una luna di traverso…

-          Impedisce la normale circolazione delle idee…

-          E dei popoli…

-          I diseredati della terra…

-          I discesi agli inferi e mai risaliti…

-          I sommersi e i salvati…

-          I dimenticati…

-          I dimenticanti…

-          I mendichi di umani sguardi…

-          Gli sguardi distratti dallo specchio…

-          La vera vittima è spesso il carnefice…

-          Pietas versus compassione..

-          Sguardi persi…

-          In campi sterminati…

-          Un imbarazzato disagio…

-          Il fischiare del vento esalta l’imbarazzato silenzio…

-          L’anomia…

-          La nudità indifendibile…

-          L’estremo oltraggio…

-          Estirpazione d’assenza…

-          Dorati molari ammonticchiati…

-          Attivismo portatore di una sua peculiarità morale…

-          Di un candore prealpino…

-          Le piccole luci delle case sui costoni nelle sere limpide e fredde…

-          Le case povere delle povere persone povere…

-          Delle povere persone sole…

-          Dei soli…

-          La fuliggine sporca la bianca neve degli ordinati giardini…

-          E una canzone… un lampo illumina un volto implorante sotto l’impluvio…

-          È un vecchio giovanissimo amore mai dimenticato…

-          Sopito e ridestato…

-          Da un’intermittenza del cuore…

-          Un perduto amore ormai perso…

-          Mai… forse… avuto…

-          Dei palpiti o sguardi o sussurrate parole…

-          Mai realmente stato…

-          Mai reale la vita vissuta…

-          Mai stata…

-          Ballonzola inutilmente il seno…

-          Gli sguardi appannati…

-          L’estranea…

-          Piange l’antico amore….?

-          La sua vita persa….?

-          La delusione data…?

-          Strugge la neve e la canzone…

-          Che cade silenziosa….

-          Cede all’inganno…

-          La morsa voluttuosa…

-          Si abbandona alla perdizione….

-          Si dà con indifferente dedizione…

-          Per affermarsi…

-          Per afferrarsi…

-          Cede per non cadere…

-          All’inganno…

-          Per conoscersi…

-          Una qualsivoglia condanna…

-          Un qualunque peso da portarsi…

-          Un sempre che dura lo spazio di un mattino…

-          La frase fatta nuoce l’intelletto…

-          Gratifica, comunque … il timore di un silenzio imbarazzato…

-          Solleva il cappio..

-          Allevia una tensione…

-          Buona canapa non si spezza…

-          Corda tesa tende un collo teso che tiene un corpo teso…

-          Un cazzo teso…i piedi tesi..

-          Tesi bislacche…

-          Un candido lenzuolo avvolge le colpe…

-          Sui vivi e sui morti

-          L’arte dalla dissimulazione e del diniego

-          Guardavo le stelle dal fondo di un carretto che mio padre e mia madre, parlottando, trascinavano sui sassi di uno stretto e sconnesso sentiero…

-          È la genesi di un fosco sereno pensiero

-          Senza modelli…

-          Un genetliaco…

-          Un “alla salute”…

-          E i torbidi risvolti della semplicità…

-          Semplicismo fuorviante e premeditato…

-          Attenuanti generiche…

-          Molto generiche…

-          Stiamo sulle generali…

-          I segni del comando…

-          L’innata propensione alla conduzione…

-          Conditio sine qua non…

-          Senza la quale si configge…

-          Una concezione amabile del potere…

-          Una seccata obbedienza…

-          Se si perde il filo…

-          Si annoda una trama

-          Che avrà fine…

-          E un inconfessato fine…

-          Poi confessato con amara voluttà…

-          Accarezzato e stretto…comunque eretto….maneggiato e mosso…

-          Sfregato con movimento lieve ma convulso…

-          Dura a lungo la storia…

-          Quasi istantanea eiaculazione…

-          Si definisce e si finisce…

-          Il fine “è” la definizione…

-          La definizione annulla lo scopo…

-          Lo scoppio glande…

-          Il big-bang…

-          Senza tempo…

-          Senza spazio…

-          Forse un infimo punto senza dimensione…

-          Un attimo di incertezza…

-          L’espansione

-          Verso un’ intelligenza che osservando il proprio ombelico dà corso alla realtà…

-          Autoreferenzialità…

-          Del pensiero o dello scoppio….?

-          Tutto prende o perde senso …

-          È o non è…

-          Nella misura in cui una intelligenza lo definisce o meno….

-          La vita  è segno…

-          È sogno se c’è qualcuno che dorme…

-          L’universo non esiste…

-          I non nati non lo vedranno mai…

-          I morti non lo vedono più

-          E i vivi muoiono…

-          Non esiste…?

-          Solo a piccoli tratti…

-          Lo spazio è un infinito nulla…

-          Che si perpetua nella forma delle parole…

-          Sta lì il mistero…

-          E la sua chiave…

-          La toppa…

-          Il topos…

-          Un muscolo… un arto… una membrana… un filamento… una connessione neuronale…

-          La percezione consapevole…

-          L’acquisizione sensibile di una forma di consapevolezza di sé…

-          Situarsi nello spazio e nel tempo…

-          Dare nome alle cose…

-          Ai sensi… alle percezioni… alle sensazioni… ai sentimenti…

-          Dare un senso al mistero…

-          Quando si percepisce il mistero è tardi…

-          È tardi…

-          Chiudono gli esercizi…

-          Chi ode rumori di chiusure…

-          Per rintanarsi davanti a un fuoco…

-          Per mangiare la preda cacciata…

-          In circolo…

-          Grugniti e rutti…

-          E qualche peto…

-          Gli sguardi tendono ad affinarsi senza mai troppo affidarsi…

-          Si elaborano le elementari minuzie…

-          Articolano suoni ricorrenti…

-          Le lingue si arrotolano sul palato…

-          Labbra aperte e tirate …

-          Tirate e chiuse…

-          Raccolte ma in verticale…

-          Semi-aperte in verticale … gli occhi allungati…

-          È la “o”…

-          La femmina presa da tergo pare più remissiva ma più sfuggente…

-          Scappano…

-          A cercar ripari…

-          E nuovi bagliori… puntiformi…

-          In bianco e nero…

-          A colori… poi…

-          Un piccolo scherno…

-          Una piccola morte…

-          Valida a tutti gli effetti…

-          Non valida per l’espatrio…

-          Una fuga dalle radici…

-          Verso il rosso…

-          Affondando nel tempo-spazio…

-          Nella carne…

-          Un battere ritmico…

-          Mucose inumidite…

-          Un respiro cosmico…

-          Un comico sospiro…

-          Dando di sé la miglior parte…

-          Contravvenendo a regole millenarie…

-          Regole irregolari…

-          Una dismenorrea…

-          Una pancia che si gonfia…

-          Ci si colloca nella storia…

-          Ci si sdraia mollemente senza pretese…

-          Ci si sopporta…

-          Per non morire…

-          E un po’ per celia…

-          Ci si canta un po’ su…

-          Là ci darem la mano…

-          Là mi dirai di si…

-          Vorrei e non vorrei…

-          Senza musica non viene…

-          Impotenza giaculatoria…

-          Troppo ritmo…

-          Troppo controllo…

-          Morale pratica…

-          Ragion dialettica …

-          Il cielo stellato…

-          Lo smarrimento della legge morale…

-          Qualcosa è…

-          Ciò che non giova a sé…

-          Per definizione…

-          E sfinimento…

-          Non c’è morale nel sesso…

-          Sesso amorale…

-          Senza sesso… amore…

-          Amore senza sesso…

-          Deglutire per assecondare l’emersione…

-          Esclusa la morte felice…

-          Eroicamente si vive…

-          E si muore…

-          Un poco si muore continuamente…

-          Per darla a intendere…

-          Senza crederci poi tanto…

-          Disillusi…

-          Un po’ cinici…

-          Dispersi…

-          Senza prospettive…senza progetti…

-          Assenza di speranza…

-          L’amica di nonna speranza…

-          La pudica, la timida, l’insofferente, la brutta,perfino l’antipatica, aprono tutte le cosce…

-          Il lento,l’apatico, l’imbelle, lo stupido, il flemmatico muovono ritmicamente il sederino…

-          La greve baldracca si schermisce…

-          La candida casta… pura bellezza apre il sipario del paradiso…

-          La bellezza è armonia di contrasti…

-          La voluttà degli ossimori…

-          L’impudica si nega…

-          La ritrosa si offre sfacciata…

-          Si dilata ciò che era contratto…

-          Si espande…

-          Si allontanano le galassie…

-          Si disperde la materia…

-          E il seme di Onan…

-          Relatività assoluta…

-          Piccoli spostamenti dell’osservatore inducono immani mutamenti del corso degli eventi…

-          Il neutrino sfuggito ritarda il big-pluff…

-          Il ritorno al primordio…

-          Al ventre materno…

-          Alla sacca scrotale…

-          Alla fissione del nucleo…

-          Che è posteriore…

-          La presa da tergo è funzionale al dominio del maschio….

-          Una quasi femminile indifferenza…

-          Stimola dibattiti…

-          E respiri…

-          Ci si sposta…

-          Non quel che basta … sì quanto bisogna…

-          Per non allontanarsi troppo…

-          Mano furtiva… tocca e fugge…

-          E ritorna…

-          Ci si sposta per non fuggire…

-          Per esser preda …

-          Per non acconsentire…

-          Un diplomatico rifiuto…

-          La mano guida il membro…

-          Ci si distoglie vicendevolmente…

-          Per non perdersi…

-          Senza capirsi…

-          Sui differenti piani…

-          Paralleli…

-          Non complanari…

-          Un piccolo distacco…

-          Si gocciola di liquidi vischiosi…

-          È il rischio dell’ assurdo…

-          Le parole non dicono…

-          L’immagine non mostra…

-          Non c’è sintesi…

-          Una babele di luoghi comuni…

-          La volgarità banale si fa…

-          E la banalità ha una sua cifra nel volgare…

-          Subire aut infierire…

-          Ferire senza riguardo alcuno come parametro del potere acquisito…

-          L’accondiscendente soccombe…

-          L’autorevolezza prevaricante autoritarismo si fa…

-          I buoni muoiono…

-          Pazienza virtù degli afflitti…

-          Ma non c’è…

-          Non per Lucy…

-          Non per i down …

-          Non per i matti …

-          Per tutti o per nessuno…

-          C’è per chi lo può pensare…

-          Un amore ricambiato…

-          Se lo ami lo conosci…

-          Se lo conosci lo eviti…

-          Un  carognetta…

-          Amori senza meriti…

-          Ipocriti amori…

-          I più voluttuosi…

-          Giocano all’amore…

-          E si fa un po’ di sesso…

-          Ignorandosi…

-          Penetrando…

-          Facendosi penetrare…

-          Puro contatto di pelle e mucose…

-          Contatti impuri…

-          Cercando di donare il piacere…

-          Il piacere di dare il piacere…

-          Un autocompiacimento…

-          Sul sedile posteriore…

-          Senza virtù…

-          Per umiliare…

-          Senza menar gran vanto…

-          Uno sguardo sottecchi…

-          Una sigaretta sfumata…

-          Senza senso…

-          Una infinita passione…

-          Per dare il senso a un vuoto…

-          Un po’ per non morir…

-          Per allargare un effimero ego…

-          Priorità assoluta…

-          La vita afferma in primo luogo sé stessa

-          All’ infinito… possibilmente…

-          Impassibilmente…

-          Ormai si sa… si muore…

-          Tutto si muore…

-          La parola…

-          La progenie…

-          La luce si spegnerà…

-          L’infinito vuoto…

-          Silenzioso e buio…

-          È questa consapevolezza

-          È questo il granello…

-          L’inceppo…

-          Nega la speranza…

-          Annega il desiderio…

-          Si fa puro spirito…

-          Bevete il mio sangue…

-          Mangiate il mio corpo…

-          Arrotolatevi nella paglia…

-          Cogliete l’attimo che fugge…

-          Fuggite la realtà…

-          È l’idea di dio che è stupida…

-          Il senso è un fiore…

-          Coglie chi lo coglie…

-          Un vivido amore…

-          Pura contemplazione…

-          Ben ci si merita d’aver ciò che si ha…

-          D’esser ciò che si è…

-          Senza merito alcuno…

-          Né colpa…

-          Per mera fatalità…

-          Per deterministico meccanicismo…

-          Funzione d’onda…

-          Odi parti celle…

-          Odi un sussurro…

-          Odi un lamento…

-          O di un lieto evento…

-          In lugubre cella…

-          Funzioni solenni…

-          Pompa magna…

-          Circo stanza sol enne…

-          Stanza circolare…

-          N…n…n…(sole enne…)

-          Si giochicchia…

-          Sulle radici…

-          Sui fonemi…

-          Sui cinémi…

-          Si ha un bel dire…

-          Uno sguardo allusivo…

-          Chiedo venia…

-          Chiedo mortal condanna…

-          Emeriti tromboni…

-          Per tacer del cane…

-          Labbra dorate…

-          Chine e socchiuse…

-          Sulla dorata verga…

-          Dirittura d’arrivo…

-          Una guerra santa…

-          Sul filo d’ariana…

-          Toro da monta…

-          Con folle osannante(i)…

-          Olè…

-          Come si suole…

-          Scarpe strette informate…

-          Giudizio inappellabile…

-          Guerra mediatica…

-          Travaso di bile…

-          Guerra informatica…

-          Traiettorie paraboliche….

-          Iperboli oniriche…

-          Virtuale scommessa…

-          Sconfitta reale…

-          Non c’è…

-          Non qui…

-          Oltre il giardino…

-          Oltre la siepe… il buio…

-          Che il guardo esclude…

-          L’infinito silenzio…

-          M’è dolce naufragar…

-          Lasciare il posto…

-          Delle fragole…

-          Liberare una tomba…

-          Un posto alla tombola…

-          Un uso smodato di gerundi…

-          Pensando e rimirando…

-          Vo…

-          Me ne…

-          Solo…

-          Per la città…

-          Libere lucciole… infimi lampi… brevi attimi di verecondi approcci… di istanze lontane…

-          Distanze colmate da un sorriso ambiguo

-          In stanze a ore…

-          Una lieve abluzione..

-          Uno spray antisettico…

-          Un profilattico lattiginoso a scopo profilattico…

-          Scopo solitario…

-          Quasi una masturbazione…

-          Uno squallido tepore…

-          Uno squallido torpore…

-          Mucose intonse…

-          In-attingibili…

-          Lavoro di bocca…

-          Faccio l’intellettuale…

-          Leggo sdraiato…

-          Indice teso sulla tempia… anulare… medio e mignolo ripiegati sulla bocca…

-          Il pollice sostiene la mascella…

-          Rifletto…

-          Flessa riflette sul potere della potenza…

-          Così variegata…

-          Così misteriosa…

-          Fatta di rigor mortis…

-          Di rigor penetrandi…

-          Una concezione miracolosa…

-          Mira colante dell’amor l’umor…

-          Il tuo popolo mia bella signora…

-          Tre clienti in un’ora…

-          Tra i baldi giovani d’allora…

-          Son vani i giorni andati…

-          Credevano d’esser quello ch’erano …

-          Perdono le coincidenze…

-          Soccombono alle inavvertenze…

-          Da un vertice si dipartono…

-          Voglio morire…

-          Voglio esser già morto

-          Mai nato… mai stato…

-          Non lacrime… non risa…

-          Non carne né spirito…

-          Né anima né core…

-          Un qualsivoglia mai nato…

-          Un qualsivoglia mai stato…

-          Non pensiero… non volontà…

-          O desiderio o rimpianto…

-          Ripensamenti  o progetti…

-          Non vita non morte…

-          Memoria od oblio…

-          Non tu… non io…

-          Nessuno…

-          Nulla…

-          Mai stato…

-          Mai visto né immaginato…

-          Solo silenzio…

-          Buio silenzioso…

-          Freddo…

-          Solo assenza…

-          Da dove?…

-          Un dove  mai altrove…

-          Nulla…

-          Non luce non calore…

-          Non spazio… non tempo…

-          Ma se non l’approdo…

-          Almeno un ritorno…

-          Almeno una morte…

-          La mia morte sta qua…

-          Non esperita…

-          Un po’ già vissuta…

-          Già scritta… già segnata…

-          Un’ ombra che incombe…

-          Troppo presente …

-          Troppo terrena…

-          Rende tutto così provvisorio…

-          Così mortale…

-          Quasi un sonno…

-          Sì! ma irrequieto…

-          Non arriva …

-          Non viene…

-          È il mestiere…

-          Il mesto mestiere…

-          Vendere un piacere mai nostro….

-          Calcolando gli effetti dell’ impatto…

-          I coefficienti di penetrazione…

-          I corsi e i ricorsi…

-          L’antefatto… la cronistoria…

-          Le eventuali conseguenze…

-          Gli effetti sui futuri affetti…

-          Gli infingimenti…

-          Le mistificazioni…

-          L’andamento regolare…

-          La norma…

-          La casta diva…

-          O pura  forma delizia del mio mirar…

-          Nuda bellezza priva di tentazion…

-          Solo appena sudata…

-          Stesa a chieder serenità…

-          Si china…

-          Cori di bianche voci…

-          E pallida è la luce…

-          Piccolo raggio penetra la lanterna…

-          Sfiora il viso… il seno… il ventre…

-          La peluria bionda si fa…

-          Il ginocchio…

-          Il canto flebile invade navate e transetti…

-          Il sesso a baldacchino…

-          Paglia e fieno…

-          Ansiti brutali…

-          Dies Irae…

-          Si cade…

-          Prima si cede…

-          Cedendo si cade…

-          Ci si affloscia…

-          Ci si guarda stupiti…

-          Con volti sconvolti…

-          Confessionali languori…

-          Dolce perdersi nell’empito dei sensi…

-          Non viene…

-          Non c’è…

-          Forse mai stato…

-          Solo carne…

-          Rosee calde carni…

-          Si attraggano o meno…

-          È un tepore d’aliti odorosi…

-          Si toccano senza vedersi…

-          Mai conosciuti…

-          Un bel dì vedremo…

-          Per non morir…

-          Metempsicosi…

-          Si pilucca…

-          Piccoli assaggi vari…

-          Avariati avanzi…

-          Si batta il pugno sulla tavola…

-          Una voce poco fa…

-          La voce si alzi di un tono…

-          Tutto è ammesso in guerra ed amor…

-          L’etica è di prammatica…

-          E in ogni luogo e dove quando…

-          L’etica è grammatica

-          La dimensione di natura…

-          Drammaticamente…

-          Sempre…

-          E parole definiscono i propri contorni contestuali…

-          Stava in alto il vuoto…

-          E dentro…

-          Presuntuosa vanità…

-          Processo quantistico…

-          Indiziario…

-          Senza una solida posizione…

-          Una sinapsi…

-          Smarrita tra gli orridi…

-          Proprietà inconciliabili…

-          Puro conflitto…

-          Puro stallo

-          Una sinapsi nella california diventa una rivoluzione di massa nel sud-est asiatico…

-          Per dire…

-          O dir di farfalle…

-          Sognare d’esser farfalla del golfo di Biscaglia il cui battito d’ali provoca una vasta zona  depressionaria al largo della florida

-          La maiuscola?

-          In carne.

-          La depressione spesso procura sogni in cui ci si crede d’esser farfalle…

-          Meccanica quantistica applicata ai fenomeni sociali…

-          Alla coltivazione delle vongole… alle patologie derivanti dall’ abuso di tabacco… alle peristalsi

-          Tutto diviene statisticamente determinante…

-          È dalla statistica che originano i fenomeni…

-          Il senso comune li classifica…

-          Vince chi ha ragione…

-          Ha ragione chi vince…

-          L’orrido si fa sublime…

-          In disparte… quasi indifferente… sta la giumenta

-          La donna è mobile…

-          Gli stalloni rampano furiosamente…

-          Frivola tiepida e fresca leggerezza…

-          Il vinto toglie il disturbo….

-          Dolce brezza mattutina…

-          Chi vince monta( onore e onere… )

-          Interrompe il frinire un tuono…

-          Solo legge di natura…

-          Ci si scalda attorno a un fuoco…

-          Si mangia la preda catturata…

-          Si sognano avi morti…

-          I miti e i riti…

-          La morte… il ricordo… la mimica… l’orgasmo … il dolore… il riso…

-          L’arma… il giaciglio… il sesso frontale… il pollice…

-          I gutturalismi… la caccia… di nuovo l’orgasmo e la morte e  finalmente Dio…

-          L’inizio della fine…

-          Ogni inizio lo è…

-          Senso come domanda di senso…

-          Le parole costruiscono autonomamente le domande…

-          E le risposte impossibili…

-          Sta nelle parole…

-          È nel vento la risposta…

-          Fischia… ulula… rantola… stormisce… sibila

-          È nel vento la risposta…

-          Poi ci si riconcilia…

-          Ci si pulisce…

-          Ci si converte…

-          Pollice ed indice strizzano dal basso in su…

-          Sul letto di morte…

-          Ne escono gocce residue…

-          L’estrema unzione…

-          Ci si converte…

-          Fazzolettini di carta…

-          Gott mit uns…

-          Ci si parli o meno…

-          Diffondono dio con onde radio…

-          Non ci si capisce…

-          Invade l’etere la voce di Maria…

-          Nemmeno ci si ascolta…

-          Copre ogni altra voce la preghiera…

-          Un S.O.S  disturbato…

-          Inascoltato per colpa di un pater…

-          Si uccide …

-          Con misericordia…

-          Per pura umanità…

-          Per pura inanità…

-          Candida-mente…

-          Senza consenso…

-          Cercando senso nel non-senso…

-          Come si suole…

-          Così come ci duole…

-          Come si vuole…

-          Ieratico pur ammiccante…

-          Puro travestimento…

-          Si credon d’essere ciò che hanno…

-          Senza neppure avere ciò che sono…

-          Poveri e persi..

-          Il temibile vigore di ieri…

-          Si fa oggi straziato lamento…

-          Una piramide nasconde spesso ossa inguainate di rinsecchita pelle…

-          Immortale ironia….

-          A beneficio dei gonzi che verranno…

-          Si beve di tutto per dare senso al disperato vuoto…

-          Forse è giusto così…

-          Così è se vi pare…

-          Ma l’abisso ineludibile?

-          È ! Comunque è…

-          Ci si voltan le spalle…

-          Ci supplica Dio di non pensare che a lui…

-          Un dio poverino…

-          Geloso e terribile…

-          Poveraccio…

-          Tende la mano timida…

-          Cristo s’è fermato…

-          Mi faccia il piacere…

-          Vogliono disturbare il sonno di Lazzaro…

-          Troppo chiasso…

-          Troppi raccomandamenti…

-          Religione porta a porta…

-          Uomini e padroni…

-          Uomini e no…

-          Passeri solitari…

-          Sabati del villaggio globale…

-          Formidabili quei danni…

-          Ci ammazzano su nostra precisa intercessione…

-          Ma non se ne daranno mai pax…

-          Non vedono…

-          Non sentono…

-          Non sanno…

-          Stupida povertà….

-          Povera stupidità…

-          Gli imbonitori scelgono le loro opzioni…

-          Aurea mediocrità…

-          Alchimie…

-          Tecnica di trasformazione dei putridi escrementi in auree possibilità…

-          Invertendo l’ordine degli addendi il prodotto cambia..?

-          Chi fa da sé fa per te…

-          Pura tecnica di vendita…

-          Entomologia… etologia… antropologia … etnologia e giù per li rami bio-psico-sociologia…

-          Il nido infantile rivela la futura società…

-          Tutto è segno…

-          La faccia, la voce, il vestito, le scarpe… l’acconciamento tutto

-          Pedanteria o lentezza nella tendenza alla precisione?

-          Mera indecisione…

-          Si vuol dar di sé la miglior parte…

-          La si dà…

-          Non sempre quella che si vuol dare…

-          Per soldi… per amore… per piacimento o pura compiacenza… per noia… per dispetto…

-          Per amor del  proprio ego…

-          Mi dispiace di morire ma son contento…

-          Adesso sì…

-          Vado via…

-          Dove credi di andare…

-          Vado a lavorare…

-          Chi non lavora non fa l’amore…

-          Le colline dei ciliegi sono in fiore…

-          Bisogna pur trovare il tempo di odorare i fiori…

-          Veder l’erba dalla parte delle radici…

-          Partir è un po’ morir…

-          Ogni giorno si muore un po’…

-          Ci uccidono…

-          Ci uccidiamo…

-          Uccidiamo i padri morenti…

-          Per pietà….

-          Per brama ci successione…

-          Per puro fastidio…

-          Perché sono morti di già…

-          Odio dei senza nome…

-          Senza nome nulla è mai…

-          Tecnica solamente la parola…

-          Muta la realtà…

-          Si ricrea in ogni nuovo suono…

-          Tutto ribolle nel brodo primordiale…

-          Tutto è ormai dato…

-          È morto già quel che non esiste ancora…

-          Un bimbo paffutello fa i capricci….

-          Sono criminali sul crinale dell’essere…

-          Allietano le domeniche mattina d’inverno…

-          I Natali… i compleanni… i primi passettini … il primo giorno di scuola …

-          Il grembiulino azzurro… i ditini sporchi d’inchiostro…

-          Lorde di sangue le mani dei matricidi…

-          Tornano al ventre materno…

-          Puri sbudellamenti…

-          Simbolico vomito del latte materno…

-          Un sorriso d’odio trafigge gli occhi sorpresi…

-          Siamo pronti alla estrema beffa…

-          La legge morale dentro di me…

-          Il tradimento… la rinnegazione… la pura rapina… la cosa morta che in fondo si è…

-          L’animo rio sta nella natura umana…

-          Ininfluenza assoluta…

-          Non cangia… non tange…

-          Piccoli aggiustamenti nello stato delle cose…

-          Piccoli adattamenti delle cose agli accadimenti casuali e/o causali …

-          Si schiaccia l’importuno moscerino… la fastidiosa zanzara …un vecchio lamentoso …un soave  noioso

-          Lucertole… bisce… piccoli topi… conigli… volpi… cinghiali… leoni… elefanti… balene….

-          Presi dal vuoto dell’onnipotenza…

-          Persi, poverini, nel mondo che non li riconosce…

-          Il dolore…

-          Subito o inflitto…

-          Non influisce..

-          Fughe ed attacchi..

-          Per puro vivere…

-          Per esserci…

-          Lasciare una traccia…

-          Marcare il territorio…

-          L’umiliazione del vinto…

-          Tradotto e tradito nelle umane parole…

-          Già troppo umane…

-          Ci si ritrae semplicemente…

-          Si fugge a ricercar la successiva rivincita…

-          Imperturbabile il caos…

-          I grandi sommovimenti…

-          Le grandi eruzioni…

-          Le tormente…

-          I tormenti stanno nelle parole che li esprimono…

-          Indifferenti e neutrali…

-          Etica come sovrastruttura prettamente mentale…

-          Tutto origina nella notte dei tempi ove il primordiale grugnito prende significato…

-          Si dà il nome alle cose…

-          Le si salva con nome…

-          Ne scaturisce il big-bang…

-          Tutto è lì …

-          Tendiamo alla redenzione…

-          Preferibilmente l’altrui…

-          Siamo gli affonda-mentali mattoni di nostra etica-estetica…

-          Ne fa fede il nostro buon gusto, la nostra aurea misura…

-          È l’ego il paradigma più attendibile dell’universo mondo…

-          L’unica credibile/incredibile rappresentazione del mondo…

-          L’unica possibile…

-          Muore in un uomo l’umanità…

-          Chiuso nelle parentesi e parestesie della percezione l’universo…

-          Palpebre e sipari…

-          Insavia soavità…

-          Dentro incolte citazioni…

-          Stanno colte incitazioni…

-          Mal si sopportano le alte caste…

-          Le bassine la danno..?

-          I candori esposti dalla vanità…

-          Si deliziano delle ammuffite nequizie …

-          Un taglietto sulla giugulare degli ormai noiosi buoni…

-          Coi giusti giustamente muoiono…

-          Un morire già superfluo…

-          Morire è un po’ morire….

-          Si grattano la tempia… il mento… si pizzicano la pappagorgia…

-          Sollevano dubbi

-          Aggrottano il sopracciglio…

-          Per dire dei buoni…

-          Neppure ad esser cattivi…

-          Come si comanda….

-          Dio comanda i distratti…

-          Non desiderano…

-          E non fornicano…

-          Un abbiocco post-prandiale…

-          I borborigmi rivelano l’occulto spiare… il tremulo origliare

-          La virtù degli imbecilli…

-          È la coerenza dei quaquaraquà…

-          Stanno fermi…

-          Come banderuole nella brezza pomeridiana sui litorali…

-          Conn-i-venti al potere …

-          Conviventi di ogni svariato andazzo…

-          Convincenti parole degli asceti maudits….

-          Coi vincenti per definizione…

-          Non perdono un treno…

-          Coltivano l’illusione dell’assoluto dominio…

-          Si muore… sai?

-          Lo sanno?

-          Per questo s’inventano al di là… paradisi… spiritelli… animule immortali…

-          Sacre ombre angelicate…

-          E tutto il ben di dio…

-          L’inferno è per gli altri…

-          L’inferno “sono” gli altri…

-          Buoni, buonissimi, motivi per non distogliersi mai…

-          Per darsi un qualsivoglia senso

-          Uno qualsiasi…

-          Erostrato…

-          Si crede quel che ci permettono i furbi mezzucci nostri…

-          Si muore…

-          Definitivamente si muore…

-          Un per sempre che tampina un mai più…

-          E i giochi di bimbi?

-          E l’amor… l’opre… gli affanni ?

-          Gli inganni… ?

-          Le umanissime vanità …

-          Gli odori e i sapori…?

-          Gli struggimenti… le tenerezze senili…

-          Le farfalle e i colori…

-          E le labbra di Ester…

-          Producono aforismi…

-          Piccoli deliziosi colpetti di lingua…

-          Dal letame nasce un fior…

-          Buonanotte fiorellino…

-          Si spengono le luci…

-          Si salgono le scale di un’ottava…

-          Un po’ di calore sottocoperta…

-          Irriverenti languori…

-          Le smorfie del piacere e del dolore si somigliano…

-          Lacrime e sorrisi apostrofano gli stessi deliri…

-          Senza quasi parole

-          Oppure troppe parole…

-          Silenzi verbosi…

-          Onirici deliri…

-          Degli “ a parte “ interrompono i monologhi febbrili…

-          Ci si sforza di non capire…

-          Ci si ostina a non prestar fede alcuna…

-          Né speranza né carità…

-          Un io violentato dall’orgoglio…

-          Figlio della superba coscienza…

-          Una razionalità priva di compassione si fa pura irragionevole fede…

-          Si toccano gli estremi opposti…

-          Gli intangibili vieti sensi…

-          Il dolce tepore dell’oblio…

-          Gli inconosciuti come mai stati…

-          Verba volant scripta manent….

-          Restano le piccole cose …

-          Tutto si fa polvere…

-          Fuggono le galassie…

-          Si disperdono le parole…

-          Piccoli punti puniti dalla a-dimensionalità…

-          Il vuoto si fa spazio

-          Occupa gli interstizi della ragione…

-          Torridi accenti a torbidi pensieri…

-          Temperati dai pavidi timori…

-          Pure espressioni del nulla…

-          Nulla è…

-          E nulla è morte….

-          Gli estremi limiti di un rantolo…

-          Che il bigotto ambizioso metta da parte le sue speranze in un cielo la sua fede non è che il suo orgoglio

-          Il rancoroso libertino si converte al cospetto…

-          My life…

-          My way…

-          È un furto la proprietà…

-          Concepire un omicidio…

-          Tacere una verità…

-          Perdonare un castigo…

-          Si quieta l’angoscia nella perdizione…

-          L’empito sublime banale si fa

-          L’enfasi stimola platealmente il tripudio…

-          L’inclita ride…

-          Le folle son femmine folli…

-          Bramano maschi dominanti…

-          Conducators….

-          Branco… tribù… etnia… popolo… nazione…

-          Il cielo e la terra…

-          Un dio qualunque…

-          Per riposarsi un po’ il settimo giorno…

-          Affrancarsi dal dovere di trasmettere geni…

-          Trasmettono gli stupidi…

-          Si complimentano per le trasmissioni…

-          Virus buontemponi…

-          Acidi e biliosi impediscono il normale scorrimento nelle vie

-          Gridano

-          Ridacchiano… saltellano… sbracano… sollecitano applausi…

-          Consensi loro…

-          Consensi tutti…

-          Una sorta di petting…

-          Un propedeutico lavorio alla cultura diffusa…

-          Una lubrificazione preparatoria…

-          Fatto!

-          Manca…

-          Non c’è…

-          Un suicidio preterintenzionale…

-          Si perde se si è persi e non si è con-vinti né si con-vince…

-          In alto stabat mater…

-          Lupus in fabula…

-          Indici in pollici…

-          Il cerchio si chiude…

-          Non se ne parla…

-          Non più ormai…

-          Variano di posizione…

-          Sbrigativi palpeggiamenti…

-          Rapidi inespressi amplessi…

-          Approssimate abluzioni…

-          Chi fuma… chi legge… chi si assopisce presto…

-          Un residuo piacere nelle notturne polluzioni….

-          Il lavoro… gli incontri… lo sport… gli hobby… i pranzi… le cene

-          Si trovano estranei a letto la sera…

-          Il brivido della trasgressione…

-          Vale il principio antropico…

-          Antropico tipica-mente…

-          Contro tristi tropici…

-          Global pollution …

-          Inamidamento…

-          Fuoriuscita…

-          Mortalità…

-          Scendo…

-          Di più…

-          C’era…

-          Era…

-          Re…

-          È

-          Re del regno dei morti immortalati da ogni trista figura….

-          Divagazioni spaziali

-          Un atmosfera surriscaldata….

-          Una romantica cenetta…

-          Aromatizzata dalle candele

-          Smorzacandela

-          Non è un pranzo di gala ..

-          Nella cappella degli scrovegni…

-          Scompare l’arte antica…

-          Scale mercalli e megatoni…

-          Scendere di un’ottava…

-          Un bel dì vedremo…

-          Levarsi un fil di fumo …

-          Dalle erbunee torri di sionne abbattute…

-          Cicli di undici

-          Nei soli

-          Elaborando i lutti perpetrati…

-          Ci si assolve…

-          Si cercano ripari…

-          Vie di fuga…

-          Vie dei campi…

-          Piazzali e piazze dei martirizzati…

-          Rivoli di sangue….

-          L’aspro sapore della sconfitte

-          Elaborano il loro vuoto….

-          Loro, i genitori…

-          L’oro-genitale…

-          I gemiti arditi di uno sfacciato piacere…

-          Che non dà conto…

-          Chi vuol esser lieto sia…

-          Gli “ebbene sì” strappati alla ritrosa voluttà…

-          Genuflesse e piangenti ma molto… molto… accurate sollevano dubbi…

-          E verghe….

-          Si dispongono a sopravvivere…

-          A seminare o a farsi inseminare… geni

-          Ad allevar cretini…

-          Non si risponde ad un’etica…

-          Un dis-crimine etico-estetico sospeso tra due nulla…

-          Alleviando cretini…

-          La natura non predilige …

-          Non sceglie…

-          Non dà non riceve…

-          Umano come concetto…

-          Niente legge naturale…?

-          Parziali osservazioni di parte…

-          Spruzzi di urina qua e là…

-          Vi si legge un nostro umanissimo modo di osservare la realtà…

-          La realtà sta là…

-          Nel dove del tempo…

-          Gli accadimenti quali esse siano…

-          I colori…

-          Gli spostamenti nello spazio…

-          Lunghezze d’onda…

-          Masse gravitanti nello spazio…

-          Pure percezioni…

-          Non contemplabili come reali…

-          Come una rigida eleganza…

-          Elefanza sciolta….

-          Sgraziata disinvoltura leggiadra e scivolosa…

-          Lo sa….in-con-sapevol-mente  colpevole…

-          Un’algida voluttuosa alterigia…

-          Banale espansione d’ego…

-          Il concetto d’alterità funzionale alla conservazione della specie…

-          Ma prevalgono gli istinti profondi…

-          I foulard stinti dalle lacrime…

-          Istinti stinti od estinti all’istante dall’intelletto…

-          Distinti e distanti i mitici mici ciclotimici …

-          Astanti festanti infestanti osannanti capi carismatici ciclopici in bici…

-          Pura dissipazione…

-          Spiriti animali…

-          Ispirati animalisti espiantano spirate colpe non loro …

-          Virus e balene bianche…

-          Il totalizzante infantile mondo domina gli attempati maitres a penser…

-          Increspati e ingrigiti… flaccidi e ipotonici… ansanti e ipertensivi…

-          Si appellano alla forza…

-          L’altrui sempre brutale è…

-          La propria logica conseguenza dell’umano agire…

-          Tengono la mano sulla fondina…

-          Sparano di lontano…

-          Sedano tumulti…

-          Esplose carotidi germinano in  piccoli tumuli…

-          Echeggiano spari da lontane apparizioni…

-          Dispongono di leggi…

-          Promulgano editti…

-          Purché siano salvi i privilegi loro…

-          Purché si tacciano le menzogne loro…

-          Poi muoiono…

-          Lo sanno…?

-          Non credono…

-          Coltivano orticelli…

-          Dettano agli addetti gli editti dai dittatori indetti…

-          Un barlume di ispirata santità …

-          Fuggono le galassie…

-          Cercano ripari negli eremi inermi…

-          Cappella barocca in ermo eremo…

-          Il silenzio sfiora il delirio…

-          Sia fatta la tua voluttà …

-          Come in cielo così in terra…

-          L’anima mundi scartabella insulsi libercoli …

-          Non vede il dolore…

-          Non sente la carezza di quell’alito…

-          Non riconoscono il messia…

-          A rivelazione irrilevante irrivelata …

-          Gli afrori sudaticci coprono lo sguardo aggraziato…

-          Nel campo del dolore un millenario castagno…

-          Mira e raglia…

-          Basta una somma…

-          Somma soma e basto greve…un totale disarmonico prodotto…

-          Disamorevole amor

-          Disarmato…

-          Floscio… molle…

-          Scatti d’accidia

-          Banali equivoci eccidi…

-          Raffreddati…?

-          Starnuti frequenti rattrappiscono passioni con sole date….

-          Doppio sesto…

-          Mezzo testo…

-          Mesto sesso…

-          Colpetti di tosse si ripercuotono in sfinteriche contrazioni…

-          Piccoli spasmi involontari…

-          Spaziando le cime inviolate…

-          Mal-ghermite…

-          Si dilettano…

-          Si consumano amplessi smodatamente comodi…

-          Missionari sulla verticale…

-          Se ferrata si dilunga in astruse posizioni…

-          Ci si brevetta per non farsi trovare sguarniti…

-          Puro scherno…

-          Paradigmatica sofferenza inferta…

-          Ferirsi per ritrovarsi un po’…

-          E perdersi…

-          A ritrovare i no smarriti…

-          Dimmi si

-          No…

-          Sì….

-          Idilli  di marzo…

-          Senza brutale pietà…

-          Uno squarcio sullo sguardo inverecondo della morte…

-          Tamburellar di dita di chi tuttavia non riesce a sottrarsi ad un qualsivoglia conformarsi….

-          Sempre gli altri…

-          Noi no…

-          Noi mai….

-          Per noi oramai…

-          Irrompono gli articolati nella suburra…

-          I codicilli delle minute in minuti caratteri…

-          Sferragliano cingolati a sedar rivolte…

-          Ore di sfibranti discussioni a ristabilire le posizioni originarie…

-          Tu sei…

-          Più uno…

-          L’invarianza concupita…

-          Gli appelli alle buone morti…

-          Si teme trasmetter morte nell’amor…

-          Sta nell’a-morte la parola amor…

-          La sudicia spettanza nostra…

-          Mostra sublime il suo candor…

-          Il suo candor…mostro sublima ….nell’amor…

-          Canticchiando…

-          Il calore svanito…

-          Sere di maggio settembrine…

-          Residui refoli d’inebrianza di sintesi…

-          Tardive gelate precoci…

-          Giusto in tempo…

-          Mero movimento…

-          Tende all’uniformità…

-          Nei rettilinei mela-nomi…

-          Vago moto nello spazio….

-          All’alba l’infinito si allarga…

-          Gli allegati illeggibili…

-          Una pietà svilita dal pensiero…

-          Pensi eroso…

-          Gutta escavat lapidem…

-          Lento lavorio…

-          Evoluzioni linguistiche s’inseguono a spirali…

-          Aspirali…

-          Base per altezza…

-          Buoni principi adattati alle masse….

-          Erezioni truccate…

-          Frenuli inibitori…

-          Flonuli allergeneci …

-          S’è fatto l’amore…

-          Terapeutiche virtù…

-          Uomo che altro…?

-          Tu…

-          Che sei diverso….

-          Endecasillabilmente…

-          Quieto turpidume…

-          Carne arroventata…

-          Si verificano date…

-          Si conteggiano i ritardi…

-          Riguardanti l’ebbrezza sottile e veniale…

-          Che si traduce in senso…

-          Doppio mezzo sesto… fuggono le galassie

-          Qualcosa avranno pur commesso…

-          Le sta bene… le calza a pennello…

-          Solo un lieve ritocco…

-          Sette verghe in sette segrete a carica settennale….

-          Impersonale perfidia…

-          Intro-missione in troietta tant’è

-          Si dilata lo spazio vuoto compreso tra le parole che ostinata-mente non s’aprono

-          E labbra schiuse…

-          L’indicibile ossessivamente reiterato…

-          E le stelle stanno a guardare…

-          Vaghe stelle dell’orsa…

-          E infine uscimmo a riveder le stelle…

-          Puro e disposto a risalir le stelle…

-          L’amor che muove il sole e l’altre stelle…

-          Di là le stelle perse…

-          Di qua le nuvole disperse….

-          Sopra il cielo muto…

-          Sotto sta il vuoto…

-          Sottovuoto…

-          Anossia…

-          Sia quel che sia…

-          Ossia?

-          Nulla che insegue il divenire…

-          Il divagar c’è dolce…

-          Amaro intenso e immenso…

-          Immerso in un verso…

-          Intonsa verità…

-          In tonaca intonata…

-          Sai intonacare?

-          Toga rosa dall’uso..

-          Sovrintende tendenziosa alle giuste misure

-          Pieghe usuraie…

-          Piaghe…

-          I debiti debitamente si pagano con l’onere del giogo…

-          Signore in nero e fumo…

-          Basta !!!

-          Allenate reginelle…

-          Cedute ed accostate….

-          Fuggevolmente a proprio disdoro…

-          Si muore un po’ per celia…

-          Funger e finger finzioni..

-          Affermare verità…

-          A fermare il gioco…

-          A ferrare i ferrati firmamenti…

-          Nuvole informi di lepidotteri…

-          Deformi slanci inerziali del cuore….

-          Croce in delizia d’esorbitanti pianetini…

-          Pulviscolo accaduto…

-          E le chiamano stelle..

-          E si ostinano a non rispondere…

-          Immolarsi e salvare il mondo

-          E riceverne perdizione eterna…

-          In alto stabat mater estella…

-          Sora rosa aulentissima…

-          In nostra sora morte corporale…

-          Tra terra e cielo…

-          Ove l’immenso inizia e già si perde…

-          Un colorato nulla..

-          Ne risente il gioco già tragico …

-          Echi…

-          Chi oltre il monte calvo ..?

-          Ventoso il primo da un’esposizione in quadreria…

-          Orizzonti perduti nelle siepi….

-          In-terminati spazi…

-          E silenzi…

-          Sterminati i familiari affetti…

-          Sfocata bellezza accede al dirupo…

-          Per ascoltar dell’upupa il canto…

-          Serialmente….

-          Tra berio e nono il gran sol carico…

-          Primo levi e togli l’au-dio…

-          Dite se questi è un uomo…

-          La bestia e la virtù zoofila…

-          Passo lento e cadenzato…

-          Marcia trionfale

-          Retrò…

-          Putrido falli-mento…

-          Menzogna in-violata…

-          S’indacato con rosee sfumature…

-          S-far-falli fallaci…

-          Far-falla in picchiata…

-          M’è dolce naufragar…

-          Non più…

-          Non  ora…

-          Né mai…

-          Rumore di mare…

-          Umore d’amare…

-          Amor te voglio…

-          E morte a volte mi confonde…

-          Amorale umorale ghiribizzo…

-          Remore morte…

-          È la libido bellezza…

-          Ci si abban-dona alla pene-trazione…

-          S’allunga e si dilunga…

-          Dolore infallibile…

-          E cercar lenimenti…

-          Lento movimento di menti adulterate…

-          Risucchio il riflusso…

-          Lena di mento dedicato a mentula mendace…

-          Gola profonda su piccole labbra…

-          Tirata adirata in godimento rateale…

-          Occhi socchiusi di torbido sguardo…

-          Usi a diplomatico permesso riguardo…

-          Freddato da due deliziose fossette…

-          Profilo che si perde nella tumulazione …

-          Là ciminiera….

-          E le stelle uffa stanno uffa a guardare uffa…

-          Leste in via di fuga…

-          Ciaula la luna denuda…

-          Tinte epidermiche..

-          Chimiche e ciniche…

-          Cani in movimento…

-          Urbi maior minor cessat…

-          Ursa vacante cannabis indica …

-          Stella del nord…

-          Persa!!!

-          Per sapere di seni tangenti eroine…

-          Per non sapere dare di sé che… il vero

-          Poppe e prue e rande cazzate e fiocco lasco…

-          L’alunno disordinato…

-          Nato nel silenzio selenitico…

-          Bolla speculativa…

-          S’accompagna al dis-astro argenteo…

-          Alluci mormoranti la vile ritirata…

-          L’o-vile cavalier d’agnello ha l’cor…

-          Conducator senz’alma…

-          Polis in dessert

-          Acclamano, le folle, le ordinarie proprie mediocrità…

-          Proiettano le false  traiettorie dei loro obbiettivi vacanti…

-          Oggettivamente…

-          Grandangolari all’allargare il profondo stato di propria inquietudine sommessa….

-          Sommessa sommossa di buonanime incredule…

-          A trainare some per sommi capi…

-          Un relativismo dimostrabile empiricamente…

-          Ciascuno si definisce con il proprio status…

-          Con i conflitti…le emozioni…. i traumi dell’infanzia…

-          Assente con-torto sempiternamente…

-          Rimozione forzata…

-          In sosta insistita a radicarsi… a prender possesso de proprio passato…

-          Che insistentemente mente…

-          Interpretazione malevola

-          Eppur si crea…

-          Pragmatismo mistico…

-          Eterno ritorno senza mai posa…

-          Una condanna coattiva a reiterare quell’amplesso fatale nel fetale infinito…

-          Ove tutto si rimargina…

-          Tutto si immagina…

-          Nulla è

-          Fino alla devastante quiete…

-          In cui nulla accade…

-          Si contorce la stringa…

-          Attrazione fatale in quel nero…

-          Mi chiamo Wolf… risolvo problemi…

-          Vieti schizzi… per messi d’amare tranquillità…

-          Da mai…

-          D’amai conciliarsi quell’amore a quell’odio…

-          Renitenti ai piccoli pomi del paradiso…

-          Peccati di o-missioni  impossibili tra gli infedeli…

-          Lo spiazzo generoso affollato di verbosità mortali…

-          Morta lì…

-          Tocca-là…

-          Necrofili colti in flagranza… di semantico esantemico errore

-          Orrore di vacuità…

-          La santa implorante castigo e sodomia…

-          Una lurida stanza sopra le scale… sussurri nella polvere…

-          Pianti sommessi… cigolii cadenzati…

-          E ansiti…

-          E lamentevoli languori…

-          Con-solazioni di pene nei vecchi solai…

-          Tra il sotto di un abbaino e perse stelle…

-          La maledetta ruota…

-          Il maledetto amor di sé…

-          Il turbamento inurbato un po’

-          Mentalmente sentimentale

-          La fascinazione dell’angoscia che si fa voluttà…

-          Trarre il piacere dalla botticella primavera del dolore…

-          Che inebria…

-          Che consola da nostra sora morte corporale ….

-          Che solo sa dare quell’unico senso…

-          Vieto e vietato…

-          Di là dal potere… denaro… sesso…

-          Sinonimi…

-          Sottrarsi alla logica biologica tutta…

-          Femmina sta…

-          Maschio tende a… vuole… intende… potere

-          Patetica inutile fuga dall’impotenza…

-          Non puote lei…

-          Lei è… sussiste… insiste…

-          Stat mater…

-          Mater semper certa…

-          Pater oziorum…

-          Non facet…

-          Piccola irrilevante miseria…

-          Coadiuvante al più…

-          Si può morire… non si ferma la vita…

-          Portatore di un inutile seme …

-          Mai certo….

-          Indifeso che offende…

-          Votato alla… comunque battaglia

-          Per non morire… morire

-          Nel bilico di una biblica erezione…

-          Mai certo quel ridicolo idolo afflosciato…

-          E poi… muore

-          In-gravi-date

-          Copula in cupola…

-          Debole inerzia debole quella forza….

-          L’enorme mammella…

-          Pro-creazione nata procrastinata…

-          Donna… tutto si fa per te…

-          Seni co-seni tangenti…

-          A strofinare con le chiuse palpebre… il morbido eretto capezzolo…

-          Primo e ultimo capezzale…

-          Sì… per sempre appeso a quel tepore…

-          Sì…

-          Do di petto…

-          L’urlo

-          Stelle dileguate…

-          Sordide linguate sconce …

-          Date

-          La via del rifugio rifulge…

-          Stretta si fa d’un candido eroismo…

-          Senti eroso pensiero…

-          Tanatologico eros..

-          Tautologico…

-          Illuminato…

-          Dalle ombre serotine…

-          Si prende commiato…

-          Ci si incammina di mestizia lieta…

-          Verso quel buio…

-          Per non trovarsi più…

-          La proiezione del buio

-          Nel buio…

-          Silenzio si spande….per l’infinita quieta piana…

-          Per sempre…sempre…

-          A conquistare il suo buio…

-          Il suo silenzio …

-          L’infinito

-          Si cala il  drappo…

-          Come se mai stato…

-          Nulla sarà…

-          Irrisolte parole…

-          Dissolte…

-          Come mai dette…

-          Nulla tra cielo e terra…

-          Irrisolte… dissolte…

-          Forse mai dette…

-          Tra cielo e terra…

-          Mai state…

-          Tra terra e cielo…